Ruba uno scooter per amore! Voleva raggiungere la ragazzina del suo cuore. Arrestato, poi “perdonato”

Il 19enne fulmineamente colpito da Cupido - privo di auto e di qualsiasi mezzo di trasporto, ma anche di patente - ha "preso in prestito" (per non dire rubato) uno scooter parcheggiato a San Faustino smontandone il blocchetto di accensione ed è partito verso l'agognata destinazione. 

507

Ruba uno scooter… per amore. Voleva rivedere a tutti i costi una ragazzina conosciuta pochi giorni fa, che gli aveva già rubato il cuore, e le aveva solennemente promesso di raggiungerla oggi in un paesino del viterbese.

Il 19enne fulmineamente colpito da Cupido – privo di auto e di qualsiasi mezzo di trasporto, ma anche di patente – ha “preso in prestito” (per non dire rubato) uno scooter parcheggiato a San Faustino smontandone il blocchetto di accensione ed è partito verso l’agognata destinazione.

Ma il crudele destino ha voluto che il giovane innamorato incrociasse una volante della polizia, che – vedendolo privo di casco – gli ha immediatamente intimato l’alt. Lui, incauto sognatore, si è invece dato ad una insensata  fuga durata vari chilometri nel centro della città dei Papi. Raggiunto e bloccato, il ragazzo è stato a norma di legge arrestato per furto.

Il Procuratore della Repubblica, la dottoressa Eliana Dolce ( forse intenerita), ne ha successivamente disposto la liberazione, non sussistendo esigenze di misure cautelari. Il ciclomotore è stato poi riconsegnato alla proprietaria, con profonde e tardive scuse da parte del giovane aspirante fidanzato.

Una fuga d’amore alla Lancillotto per raggiungere la sua Ginevra finita male. Ma per il 19enne poteva andare peggio. Si spera almeno che la lezione gli sia servita… Unico dubbio: come sarà rimasta la delusa ragazzina che attendeva il suo innamorato?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui