La candidatura come incentivo al turismo e all'economia viterbese

San Martino patrimonio UNESCO, FdI vuole dare lustro alla “città ideale” di Donna Pamphilj

226

San Martino patrimonio UNESCO è l’ambizioso progetto presentato stamattina da Fratelli d’Italia. Un’idea che va a incastonarsi nel più grande progetto turistico-culturale che il partito di centrodestra sta portando avanti grazie ai suoi due assessori Marco De Carolis e Laura Allegrini, rispettivamente delegati a cultura/turismo e lavoro pubblici/centro storico.

La proposta, come ha spiegato stamattina il capogruppo Paolo Bianchini, è stata già presentata con un ordine del giorno al consiglio comunale e, come ha aggiunto il sindaco Giovanni Arena (anche lui a San Martino per la conferenza) “troverà sicuramente il favore dell’amministrazione”.

Presente alla conferenza anche il sindaco Arena, che sposa l’iniziativa

Perché San Martino patrimonio UNESCO? Come ha sottolineato Bianchini, il borgo viterbese non ha nulla a che invidiare a Sabbioneta (Mantova) e Pienza (Siena), siti che già hanno completato il percorso di riconoscimento a livello mondiale.

“Anche qui – ha dichiarato il capogruppo – c’è stata l’idea di costruire un borgo dove prima non vi era nulla, una ‘città ideale’ nata nella mente di Donna Pamphilj e realizzata grazie al genio di un architetto come il Borromini, lo stesso che ha regalato a tutti la splendida piazza Navona”.

L’Abbazia Cistercense sorge nel cuore del borgo di San Martino

Ora, come ha poi spiegato il gruppo di maggioranza, il prossimo passo sarà quello di istituire un comitato che possa continuare a fornire linfa vitale al grande sogno. Di questo, potrà occuparsi direttamente la consigliera Martina Minchella, lei che è proprio di San Martino e che non vede l’ora di mettersi all’opera. “Certo, servirà del tempo – ha subito chiarito la donna di FdI – ma dobbiamo crederci tutti, anche perché la candidatura permetterebbe all’economia locale di sbocciare”.

L’idea è ovviamente sposata appieno anche dall’assessore De Carolis, che nella nostra recente intervista ci aveva anticipato il suo “sogno”: rendere tutte le frazioni di Viterbo dei “centri storici” vivi e interconnessi, facenti tutti parte di una sola e bellissima città.

Le tipiche case a schiera di San Martino, un altro particolare architettonico del borgo viterbese

In chiusura, il sindaco Arena ha ribadito come anche il suo gruppo (Forza Italia) sia al lavoro per la cultura con la volontà di candidare Viterbo a Capitale Europea della Cultura. I due grandi progetti, come ha evidenziato il primo cittadino, si sposano perfettamente e sono complementari e sono un traguardo da raggiungere per il benessere economico di tutti.

“Sarà un sogno – conclude Bianchini – ma è un sogno realizzabile, che potrà aiutarci a innescare l’economia viterbese grazie al turismo. È nostra volontà far sì che i turisti restino il più a lungo possibile sul nostro territorio e la candidatura di San Martino a patrimonio UNESCO potrebbe darci un aiuto fondamentale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui