Sarà di nuovo coalizione o totale sfaldamento? Oggi la risposta dal vertice di maggioranza in Comune

Sull'incontro del centrodestra aleggia l'ombra delle dimissioni minacciate da Arena

146
Giovanni Arena Sindaco di Viterbo

Elezioni anticipate a Viterbo? L’ipotesi sta circolando con sempre maggiore insistenza e dato che a far cadere il Comune sarebbe la stessa maggioranza sorge spontanea una domanda: a chi giova?

Di certo non alla città in attesa di ricevere cospicui finanziamenti statali.

E allora qual è il disegno, la strategia che c’è dietro l’intento di tirare la corda al massimo rischiando di spezzarla e di far commissariare il Comune?

Il nodo focale sembrerebbe risiedere nel capire quali siano le reali istanze avanzate da Fratelli d’Italia in merito a un nuovo assetto dell’esecutivo, sulla base dei numeri espressi dalle forze politiche in campo.

Difficile mediare se le richieste sul tavolo non sono chiare e vengono aggiornate ad ogni incontro.

Almeno stando a quanto lamentato dal sindaco Arena e poi avallato anche dalle dichiarazioni rilasciate da Andrea Micci, capogruppo Lega al Comune.

La possibilità di esito positivo di una trattativa dipende sostanzialmente dal fatto che i termini e le condizioni sul tavolo siano evidenti e palesi. Altrimenti si continua a rimbalzare contro un muro di gomma.

A meno che la finalità non sia quella di generare la massima confusione possibile per poi dichiarare di non essere stati ascoltati e pertanto ‘costretti’ a staccare la spina all’amministrazione così da non doversi assumere in prima persona la responsabilità di un commissariamento, che sarebbe disastroso per Viterbo.

Queste sono solo congetture che magari saranno spazzate via nell’incontro odierno tra il sindaco Arena – pronto a dimettersi qualora non venga messo nelle condizioni di presentare la nuova giunta al consiglio straordinario del 31 agosto -, i parlamentari e i responsabili politici di Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e Fondazione.

Quale sarà il finale di questa ennesima crisi? Forse lo sapremo tra poche ore. Salvo decidere per una guerra di nervi fino all’ultimo giorno utile: la vigilia della seduta straordinaria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui