Sblocca-cantieri, Cna: “Contrari alla cancellazione”

La CNA interviene sugli emendamenti che vorrebbero ridisegnare l’impatto del decreto sblocca-cantieri sul Codice degli appalti, manifestando grande preoccupazione per le insidie contenute nella proposta, a cominciare dalle disposizioni sulla liberalizzazione del subappalto.

293

“La cancellazione di ogni limite al subappalto rischia di premiare imprese prive di capacità organizzativa, che inevitabilmente trasferirebbero su quelle più piccole responsabilità e oneri di cui dovrebbe farsi carico l’impresa che si è aggiudicata l’appalto. I piccoli vengono condannati alla subalternità per favorire poche grandi imprese prive di effettiva capacità realizzativa autonoma”. La CNA interviene sugli emendamenti che vorrebbero ridisegnare l’impatto del decreto sblocca-cantieri sul Codice degli appalti, manifestando grande preoccupazione per le insidie contenute nella proposta, a cominciare dalle disposizioni sulla liberalizzazione del subappalto.

“Un altro degli aspetti che non convincono, è l’estensione del perimetro di attività ai lavori pubblici della Consip, la piattaforma per la gestione degli acquisti pubblici. L’utilizzo delle piattaforme – osserva l’Associazione – può essere utile e funzionale se lo scambio si riferisce a beni e servizi standard, ma non può rappresentare la soluzione se si entra in attività e ambiti più delicati”.

Ed ecco la richiesta della CNA: “Si avvii un tavolo di confronto sulla riforma del Codice degli appalti, coinvolgendo stazioni appaltanti e rappresentanti del mondo dell’impresa, per arrivare a un quadro condiviso utile a far ripartire il mercato dei lavori pubblici e a favorire l’accesso delle piccole imprese”.

Si legge in un comunicato della Cna Viterbo – Civitavecchia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui