E non sarebbe la prima volta. Altri due si sarebbero 'allontanati' già nei giorni scorsi  

“Scappati due migranti dalla struttura di Proceno”, la denuncia del senatore Battistoni  

114

Resta altissima l’attenzione di Francesco Battistoni, senatore di Forza Italia, sulla questione migranti.

Il parlamentare azzurro, nei giorni scorsi, era stato il primo a lanciare l’allerta su nuovi arrivi di migranti nella Tuscia. Cosa poi puntualmente avvenuta.

Ora con un video denuncia la fuga di due extracomunitari dalla struttura di Proceno.

Notizia diffusa dopo essersi recato personalmente sul posto dove ha anche appreso che un episodio analogo si era già verificato nei giorni scorsi.

A Proceno proprio ieri con una nota la Asl aveva dato comunicazione della presenza di due Covid positivi tra i migranti.

“Assurdo – tuona Battistoni – come viene gestito il problema migranti da questo Governo. Peraltro con i sindaci impotenti perché si trovano con queste persone tradotte anche in orari poco accessibili (vedasi l’arrivo a Valentano alle 3:20 di notte ndr.)”.

“Ma soprattutto – stigmatizza – c’è un problema di sicurezza sanitaria per la popolazione. Proceno è un paese di poco più di 500 abitanti e per la maggior parte anziani”.

“Gli extracomunitari, mi riferiscono i residenti, anche mercoledì sera passeggiavano in piazza con la motivazione che giù alla struttura il telefonino non ha segnale”.

Il senatore è furioso. “Il problema è che non vengono eseguiti i controlli a monte. Non si possono mandare migranti in un piccolo paese come Proceno, dove tra l’altro non c’è stato alcun caso di Covid, e poi dopo due giorni che sono qui si scoprono due casi di positività. Fortunatamente ho parlato subito con la Asl e con il prefetto Bruno che si è immediatamente attivato e sono arrivati i carabinieri”.

E sull’impiego delle forze dell’ordine Battistoni rimarca: “Non è neanche giusto che i carabinieri, che in questo periodo dovrebbero svolgere altri servizi, si mettano a vigilare strutture di questo tipo. Le associazioni che prendono i soldi per gestirle, se non sono responsabili del controllo che fanno?”.

Clicca qui per il video

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui