Scioperi e trasporti bloccati: l’altra faccia del green pass

Un clima di tensione costante sul quale c'è la massima attenzione da parte del Viminale

64

Da oggi, 15 ottobre, il green pass diviene obbligatorio quasi ovunque e per compiere praticamente qualsiasi attività. L’altra faccia della situazione è quella che vede come protagonisti i trasporti, con un rischio di paralisi altissimo.

Non si sprecheranno, in giornata odierna e nei prossimi giorni come nei precedenti, gli scioperi di lavoratori e no-greenpass. Non si esclude che determinate tipologie di trasporti possano addirittura venir bloccate o, se aderenti, non funzionare proprio.

Alcuni snodi italiani come Orte potrebbero essere semi-paralizzati dagli scioperi e da eventuali blocchi delle categorie produttive.

Una situazione che desta preoccupazione nella Tuscia e in tutta Italia, e che dovrà essere affrontata dal Governo e dalle istituzioni locali giorno per giorno.

Solo durante la giornata di oggi si comprenderà se l’impatto dell’obbligo di Green Pass nei luoghi di lavoro porterà un’aumento di vaccinazioni o, al contrario, un’impennata di richieste di tamponi a cui far fronte.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui