Sconfitta e polemiche per la Viterbese, al “Liberati” vince la Ternana 2-1

238

 Solo Ternana nel primo tempo, solo Viterbese nel secondo. Finisce 2-1 la partita del “Liberati” di Terni tra Ternana e Viterbese. Un risultato ingiusto considerando quanto visto in campo nell’anticipo serale del sabato sera. I rossoverdi dominano il primo tempo, trovano il goal del vantaggio al 34’ con la magia di Ferrante e soltanto un grande Pini, schierato a sorpresa da Calabro, impedisce ai padroni di casa di andare a riposo con un vantaggio più ampio.

La ripresa, invece, è tutta gialloblù. La squadra di Calabro rientra in campo con un altro piglio e mette sotto una Ternana stanca più stanca. Con un contropiede perfetto Volpe segna il pari al 75’, poi la Viterbese prova a spingere per trovare anche la vittoria. Nel finale, però, è la squadra di casa a segnare, tra mille polemiche. Al 92’ Vantaggiato firma il 2-1, ma il goal è viziato da un fallo in attacco che sembrava esserci. L’1-1 era il risultato più giusto, anche stavolta, invece, la Viterbese torna a casa a mani vuote.

Ternana-Viterbese: 2-1

Ternana (4-3-1-2): Tozzo; Nesta, Suagher, Celli, Mammarella; Paghera (dal 69’ Diakitè), Palumbo (dall’83’ Damian), Salzano; Furlan (dal 62’ Defendi); Ferrante (dall’82’ Vantaggiato), Marilungo (dal 68’ Noisi). A disp: Marcone, Iannarilli, Diakitè, Vantaggiato, Parodi, Russo, Mucciante, Sini, Defendi, Niosi, Damian. Allenatore: Fabio Gallo.

Viterbese (3-5-1-1): Pini; Markic, Atanasov, Baschirotto; De Giorgi, Bensaja (dal 40’ Volpe), Sibilia, Besea (dal 40’ Antezza), Errico (dal 94’ Milillo); Bezziccheri (dal 64’ Urso); Tounkara. A disp: Vitali, Antezza, Scalera, Milillo, Volpe, Zanoli, Pacilli, De Falco, Urso, Ricci, Molinaro, Bianchi. Allenatore: Antonio Calabro.

Arbitro: Marco D’Ascanio di Ancona.

Reti: 34’ Ferrante (T), 75’ Volpe (V), 92’ Vantaggiato (T).

Ammoniti: 5’ Baschirotto (V), 25’ Paghera (T), 47’ Bezziccheri (V), 57’ Suagher (T), 80’ Errico (V), 89’ Markic (V)

Recupero: 1’ P.T; 4’ S.T.

 Tante novità nello schieramento scelto da Antonio Calabro per affrontare la Ternana. La prima di queste è il portiere, ruolo nel quale è stato scelto Pini al posto di Vitali. L’altra scelta inedita è quella di Bezziccheri, che torna titolare per supportare l’attacco insieme a Tounkara. Inoltre, c’è Sibilia nel ruolo di play, il quale sostituisce un De Falco che non ha ancora convinto in pieno. Fasce occupate da De Giorgi e il rientrante Errico, Besea e Bensaja sono le mezze ali. La Ternana di Gallo scende in campo, invece, con il solito 4-3-1-2, con Furlan sulla trequarti a supporto degli avanti Marilungo e Ferrante.

Ternana-Viterbese è sempre una partita molto sentita dalle tifoserie. La rivalità che intercorre tra le due squadre rende questa gara unica e importantissima. Allo stadio “Libero Liberati”, infatti, si percepisce l’aria di big match e l’orario serale contribuisce a tale sensazione. L’ambiente è caldo, ci sono quasi 500 tifosi della Viterbese e la partita inizia sotto una leggera pioggia. Entrambe le squadre arrivano a questo impegno insoddisfatte, per motivi diversi. La Ternana è lontana dalla vetta e vuole i tre punti per provare ad accorciare e rientrare in corsa per la vittoria del campionato, mentre la Viterbese arriva da un momento molto negativo in termini di risultati. Vincere questa partita, allora, assume una doppia importanza. Ritmi sostenuti ad inizio gara, la Ternana approccia con l’intenzione di fare la partita, i leoni sono accorti in fase difensiva e chiudono gli spazi.

La pressione dei padroni di casa sale notevolmente, la Viterbese soffre, si affida ai lanci lunghi ma non riesce a uscire dalla propria metà campo. La squadra di Gallo sfrutta il momento positivo e costruisce le prime due occasioni da goal tra il 14’ e il 16’. Prima il tiro di Celli, poi il colpo di testa ravvicinato di Ferrante spaventano Calabro, un grande Pini salva i gialloblù con due grandi interventi, soprattutto quello su Ferrante.

Un leggero calo di ritmo e di intensità della spinta offensiva da parte della Ternana permette alla Viterbese di respirare per qualche minuto, dopo la prima metà del primo tempo. Dalla mezz’ora, però, le fere tornano a spingere forte in avanti, costringendo la Viterbese a soffrire nuovamente. Al 34’ Ferrante ci riprova, ma stavolta Pini non riesce nel miracolo. La conclusione da fuori area dell’attaccante rossoverde è violenta e improvvisa, la Ternana trova così la rete del vantaggio.

Pochi minuti dopo la squadra di Gallo sfiora anche il raddoppio, con Furlan che non riesce a girare il pallone in rete sull’assist di Marilungo. Calabro è palesemente insoddisfatto dell’atteggiamento dei suoi e al 40’ decide di cambiare la squadra dal punto di vista tattico con un doppio cambio. Dentro Volpe e Antezza al posto di Bensaja e Besea, ma fino alla fine del primo tempo la reazione gialloblù rimane assente. Anzi, è di nuovo la Ternana ad andare vicino al goal, e di nuovo un super Pini respinge il tiro di Salzano impedendo un passivo ancora più pesante alla fine dei primi 45’.

Un’altra Viterbese nella ripresa. La pausa ha fatto bene ai leoni, i quali sono riusciti a riorganizzare le idee e ad approcciare positivamente il secondo tempo. Già al 47’, infatti, la squadra di Calabro si rende pericolosa per la prima volta nella partita, con l’occasione prodotta dal tiro della distanza di Tounkara, di poco fuori. I gialloblù giocano finalmente con più coraggio, alzano il baricentro e spingono per arrivare al pareggio. Le fere, invece, sono nettamente calate dal punto di vista dell’intensità rispetto al primo tempo.

La stanchezza di un primo tempo giocato a mille, evidentemente, si fa sentire, la Viterbese ne approfitta per prendere il controllo della gara. Calabro si gioca anche la carta Urso, la Viterbese attacca, ma non riesce a creare grandi occasioni. L’impegno e l’atteggiamento positivo della ripresa da parte dei leoni, però, viene giustamente premiato al 75’, quando Michele Volpe trova il goal del meritato pareggio. Azione fantastica dei gialloblù, bravi a orchestrare un contropiede perfetto, rifinito da Sibilia e concretizzato da Volpe.

L’1-1 non ferma la Viterbese, la quale è padrona del campo e spinge per arrivare anche alla vittoria. Il finale convulso di partita, però, ha in serbo un destino crudele e ingiusto verso i gialloblù. La Ternana appare stanca e alle corde, ma nei minuti di recupero trova la zampata decisiva. Al 92’, infatti, Vantaggiato raccoglie una palla vagante in area di rigore e batte Pini per il goal decisivo della partita. Ci sono tanti, tantissimi dubbi, però, sulla regolarità della rete. Sembrava evidente, infatti, un fallo in attacco, decisivo per la costruzione dell’azione del goal. Manca anche un provvedimento disciplinare verso Mammarella, autore di un gesto antisportivo andando ad esultare sotto il settore ospiti della Viterbese e provocando i tifosi. Finisce così 2-1 per la Ternana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui