L'aggressione per gelosia a Tarquinia

Scopre il tradimento e la riempie di botte, giovane finisce in ospedale

256

“Tutti devono sapere”. Questa la denuncia affidata anche ai social da parte di una giovane tarquiniese che nel tardo pomeriggio del 30 dicembre è stata aggredita dall’ex compagno, a quanto pare per motivi di gelosia.

Il giovane è stato denunciato dai Carabinieri del luogotenente Stefano Girelli per lesioni personali nei confronti della ragazza che è stata costretta a rivolgersi alle cure dei medici del pronto soccorso dell’ospedale di Tarquinia da dove è partita subito la segnalazione con intervento immediato dei carabinieri.

Sei giorni di prognosi per la ragazza che sul proprio profilo facebook ha pubblicato anche le fotografie con il volto livido: “Io mi rimetterò presto, – ha scritto la ragazza – nonostante il trauma cranico… e i lividi, ma tu devi vergognarti di mettere il naso fuori casa”.

All’origine dell’improvvisa aggressione del ragazzo, un messaggio d’amore che lui avrebbe letto sul cellulare della ex compagna: l’ipotesi di una nuova relazione amorosa di lei lo avrebbe mandato su tutte le furie al punto da alzare le mani contro l’amata, a suon di schiaffi e pugni.

Prima ha bloccato la ragazza in una via pubblica, mentre stava accompagnando il figlio alla pista di pattinaggio; poi le ha detto che doveva parlarle. Lei gli ha quindi detto che sarebbe tornata lì dopo aver accompagnato il bambino. Così è stato.

Il ragazzo è poi entrato nell’auto di lei, sedendosi nel lato passeggero e chiedendole di tornare insieme; lei gli ha però confermato che la loro relazione era ormai finita (dopo quattro anni), anche perché lui non andava d’accordo con il figlio.

Quindi lo ha invitato a scendere dall’auto, poco dopo però, sul cellulare di lei è arrivato un messaggio con la scritta “amore”, che lui è riuscito a leggere e in un secondo si è scatenata la furia. Solo grazie all’intervento di una persona che lavora nei pressi della via la ragazza è riuscita a liberarsi.

Giorni impegnativi per i carabinieri della stazione di Tarquinia che nella sera di Capodanno sono dovuti inoltre intervenire anche per un caso di stalking, denunciando un tarquiniese di 27 anni che da oltre due mesi si era reso protagonista di atti persecutori nei confronti di una giovane ragazza della quale si era invaghito.

Lei, però, di iniziare una relazione amorosa dopo un bacio rubato nell’ambito di un lungo rapporto di amicizia, non ne vuole proprio sapere.

Il 27enne, la sera di Capodanno, si è presentato sotto casa della ragazza, dopo giorni di continui atti persecutori manifestatisi a suon di telefonate e messaggi nell’intento di convincere la giovane donna a fidanzarsi, e si è reso protagonista di gesti inconsulti contro l’automobile di lei: come per esempio fare la pipì sull’auto.

La ragazza, esasperata, ha deciso quindi di raccontare tutto ai Carabinieri che hanno denunciato il ragazzo per stalking, seguendo la procedura prevista dall’ormai noto codice rosso.

Dai nostri partner di CivOnline, il quotidiano telematico dell’Etruria

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui