Il consigliere del gruppo "Per i beni comuni", firmatario di una delle tante proposte per dire no, esprime la sua soddisfazione

Scorie radioattive, il consiglio Provinciale dice no. Valentini: “Giusto ascoltare i cittadini, dobbiamo tutelare la Tuscia”

105
Il consigliere Fabio Valentini

Nella giornata di Lunedì 18 gennaio si è tenuto il Consiglio Provinciale e tra i
punti all’ordine del giorno c’era una proposta riguardante la contrarietà della
Provincia di Viterbo all’individuazione della Tuscia quale sito unico destinato
ad ospitare il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi. Questa proposta portava la firma di Fabio Valentini, consigliere provinciale a Palazzo Gentili.

Per discutere delle scorie nucleari ed esprimere la contrarietà dei cittadini, afferma Valentini, “in tale sede ho presentato una proposta di deliberazione concernente tale tematica dove tra le richieste, oltre a chiedere l’impegno del Presidente ad esprimere la contrarietà a tale ipotesi nelle varie sedi, ho chiesto di coinvolgere in questa importante fase anche le associazioni di categoria dei settori che potrebbero essere coinvolti da questa evenienza. Ritengo che sia necessario avere una voce territorialmente unitaria e mi
riferisco anche ai Comuni, alcuni dei quali, come Corchiano e Montalto di Castro, hanno già deliberato in Consiglio Comunale la loro posizione negativa verso l’ipotesi del deposito di rifiuti radioattivi”.

“Le proposte che, come gruppo ‘Per i beni comuni’ – prosegue il consigliere – ho presentato, come alcune di altri consiglieri, sono state recepite, pertanto la delibera è stata
approvata all’unanimità. Sono sicuro – conclude – che questa voce, unitaria nell’intento, come le voci delle Amministrazioni Comunali della nostra Provincia avranno una grande
rilevanza al fine di tutelare l’ambiente, l’agricoltura, il turismo e la nostra Comunità”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui