Sembrerebbero non esserci motivazioni politiche, dimissioni presentate per motivazioni personali

Sergio Insogna si dimette da presidente della Consulta del volontariato

69

Il consigliere comunale di Fondazione, Sergio Insogna, si dimette dalla carica di presidente della Consulta del volontariato. Le dimissioni arrivano con una lettera al sindaco Arena, in cui Insogna spiega le motivazioni che lo hanno portato a prendere questa decisione.

“Le motivazioni che mi spingono a rinunciare alla delega – scrive Insogna – sono di natura personale, in quanto in questo momento non posso poter svolgere il delicato compito che mi a stato assegnato e quindi farei venir meno l’azione amministrativa condivisa che sinora ha dato buoni frutti, e che ha rilanciato l’attivita della Consulta stessa.

La necessaria vicinanza ed il sostegno alle numerose, proficue e meritorie attivita delle associazioni di volontariato e solidarieta aggregate alla Consulta non debbono venir meno, ed a necessario proseguire nell’azione amministrativa fattiva iniziata da poco più di un anno, grazie anche alla vicinanza del Sindaco e dell’Assessore ai Servizi Sociali, del Consiglio Comunale, grazie al lavoro dei dirigenti e degli uffici, in primis della sig.ra Anna Lisa Matani, rna soprattutto un enorme ringraziamento deve essere rivolto all’incessante attivita del meraviglioso mondo del volontariato e della solidarietà della Citta di Viterbo”.

La lettera prosegue: “Un ringraziamento sincero ed autentico è doveroso farlo ai componenti l’Esecutivo della Consulta, con i quali ho stabilito un rapporto collaborativo e di lavoro costante, un rapporto umano ed amministrativo che mi ha arricchito e di cui vado fiero ed orgoglioso”.

“E’ necessario Sindaco che nel più breve tempo possibile Ella provveda a designare un altro od un’altra collega consigliere comunale a cui affidare la delega, oltretutto in Esecutivo nan a pill presente il consigliere Merli dimissionario anch’esso da mesi, per cui va sostituito nelle modalita previste dal Regolamento specifico della Consulta del Volontariato.

Comunque – conclude il consigliere – la collega Lina delle Monache rimane come unica rappresentante del Consiglio Comunale e può legittimamente coordinare la Consulta, in` attesa che vengono effettuate le sostituzioni dei soggetti dimissionari”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui