Settantenne aggredito in casa, partita la caccia agli aggressori: due le piste seguite dai carabinieri

Da alcune ricostruzioni l'uomo sarebbe stato maltrattato fino a perdere coscienza prima del suo risveglio nelle prime ore della mattina

208
carabinieri nas

Continuano le indagini sui malviventi che hanno legato e malmenato un settantenne più di sei giorni fa. I militari dell’Arma stanno cercando di individuare la banda che la scorsa settimana ha aggredito l’anziano nella sua abitazione in strada Bagni dopo aver rubato alcuni oggetti dentro casa e la macchina al settantenne.

Da alcune ricostruzioni l’uomo sarebbe stato maltrattato fino a perdere coscienza prima del suo risveglio nelle prime ore della mattina. Con enorme fatica l’uomo si sarebbe liberato dalle strette corde che lo tenevano prigioniero. Nessuna traccia dei malviventi anche se le forze dell’ordine stanno seguendo due probabili ipotesi: un gruppo di persone che sono entrati per sbaglio nell’abitazione e per non farsi riconoscere hanno malmenato l’uomo fino a fargli perdere i sensi. La seconda si tratterebbe di una banda di giovani molto probabilmente ubriachi che sono entrati nel casale per continuare la serata.

Le indagini continuano e il mistero sulla vicenda si infittisce sempre di più.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui