Chiesta l'istituzione di un tavolo in Prefettura per monitorare tutti gli ambiti lavorativi e analizzare le problematiche

Sfruttamento del lavoro e caporalato, Ciambella: “Massima attenzione sulle nuove forme di schiavitù”

393

Sfruttamento del lavoro, caporalato, sommerso. Luisa Ciambella (Pd) accende i riflettori sui fenomeni che avvelenano, non solo l’agricoltura, ma tutti gli ambiti lavorativi.
Lo spunto è fornito dall’aggressione subita da alcuni sindacalisti e da un giornalista, avvenuta qualche giorno fa nelle campagne di Castel d’Asso.

“Lo spirito della mozione – spiega alla Ciambella – è quello di far rispettare il quadro normativo in materia di lavoro e far conoscere le leggi dedicate, approvate nel 2019 e ancora poco note, che mettono delle competenze anche in capo ai Comuni”.
Necessario, per l’esponente dem, analizzare tali fenomeni in maniera circostanziata “senza sparare nel mucchio rischiando di penalizzare gli imprenditori onesti” e che “le istituzioni si facciano parte attiva anche dal punto di vista dei controlli”.
Nella discussione scaturita in aula l’attenzione delle forze politiche, in maniera trasversale, si è maggiormente incentrata sul caporalato e sullo sfruttamento del lavoro con riferimento agli immigrati.

L’intervento della capogruppo Pd invece è stato di più ampio respiro interessando tutti i lavoratori e vari ambiti lavorativi, anche quello della stampa.

Al termine del dibattito il documento approvato, all’unanimità, impegna il sindaco a sollecitare il Prefetto a istituire un tavolo di lavoro con sindacati e ispettorato del lavoro per monitorare tutti i possibili ambiti di sfruttamento del lavoro e delineare un quadro delle dimensioni del fenomeno; interessare alla questione tutti gli organi di controllo preposti in materia di lavoro anche con la collaborazione, ove possibile, della polizia locale e, infine, a promuovere in collaborazione con le scuole una campagna di sensibilizzazione contro ogni forma di sfruttamento sul lavoro e una informativa circa la libertà di stampa e sindacale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui