Si è aperto il Beethoven Festival di Sutri

234
i bemolli sono blu musica pianoforte
SUTRI- Un’edizione che segna il ventennale della prestigiosa kermesse musicale. Sono trascorsi vent’anni da quando l’associazione Amici della Musica organizzò nel 2001 il primo concerto in collaborazione con il Comune di Sutri. Un’intesa duratura e forte, che non è mai venuta meno anche nei momenti più difficili come quelli che stiamo vivendo a causa di una pandemia che perdura da 2 anni. Quest’anno, oltre alle prescrizioni previste per il contrasto al Coronavirus, l’intera organizzazione ha dovuto affrontare il problema della concessione della Chiesa di San Francesco che accoglie la manifestazione fin dagli esordi; difficoltà legate alla burocrazia che ha richiesto un intervento diretto del sindaco Vittorio Sgarbi presso il Ministro dell’interno affinché si potesse svolgere regolarmente il festival.
Il Beethoven festival si inserisce nella ricca programmazione estiva sutrina, dalla nuova mostra del museo di Palazzo Doebbing “Luci e ombre. Da Mattia Preti a Depero”, ideata dal primo cittadino, alla presentazione di libri nel contesto di “Dialoghi a Sutri”, passando per gli spettacoli di intrattenimento musicale e per la prestigiosa rassegna dei Teatri di Pietra.
Il Beethoven festival rappresenta un fiore all’occhiello per l’amministrazione di Sutri che lo ha sempre sostenuto.
Un appuntamento annuale di assoluta qualità – tanto che è stato insignito della medaglia di alto valore culturale, attribuita dal presidente Giorgio Napolitano – atteso, ogni anno, da un pubblico di amanti della musica classica e che ha visto avvicendarsi musicisti di fama nazionale e internazionale.
L’Amministrazione intende ringraziare l’associazione Amici della Musica e Annalisa Bellini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui