Si è sciolto l’iceberg più grande del mondo, A68 aveva una superficie di 6mila chilometri quadrati

115

L’iceberg noto con il nome A-68, si è staccato dalla piattaforma di ghiaccio Larsen C, sulla costa orientale della Penisola Antartica, nel luglio del 2017.

In queste ultime ore, il National Ice Center degli Stati Uniti ci ha dato la spiacevole notizia dello scioglimento dell’iceberg più grande del mondo.

A-68 pesava più di un trilione di tonnellate ed aveva uno spessore di oltre 200 metri quadrati, con una superficie di quasi 6mila chilometri quadrati.

Impressionanti le immagini satellitarie che mostrano l’enorme blocco di ghiaccio scomparso, frantumato in migliaia di piccoli pezzi, che non valgono più la pena di essere monitorati.

Oltre alla sua enorme estensione, A68 era diventato famoso sui social media quando – dopo un anno di immobilità – aveva iniziato a spostarsi con una velocità impressionante verso nord e verso la Georgia Australe, luogo rinominato per la morte degli iceberg ma estremamente pericoloso per la fauna selvatica.

Tuttavia, l’evento non sembrerebbe essere collegato al cambiamento climatico ed al surriscaldamento terrestre, anche se la situazione dell’Antartide è preoccupante: più del 24% del ghiaccio è instabile o in fase di scioglimento.

La maggior parte dei glaciologi considera lo scioglimento dell’iceberg come naturale, definendolo come un processo di bilanciamento delle piattaforme glaciali, per smaltire le masse di neve in eccesso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui