Si rinnova la magia del pesce di Sant’Andrea, Melaragni (CNA): “Neanche il Covid ferma la qualità: premiamo il prodotto artigiano”

162

Quest’anno anche la pesca sarà diversa, ma nella rete finiranno comunque elementi che neanche il Covid19 potrà fermare. Come la qualità del prodotto artigiano. Quindi lunedì sera i bambini potranno mettere tranquillamente il piattino sul davanzale della finestra, perché Sant’Andrea sarà generoso – anzi: buono – come sempre.

 

Quella del pesce di cioccolata è una tradizione tutta viterbese, come testimoniano sia la chiesa di Sant’Andrea nel centro storico della città dei Papi, sia il fatto che l’apostolo pescatore, fratello di Simon Pietro, è patrono di Canino. “Il piattino lo mettono i bambini – dice Luigia Melaragni, segretaria della CNA di Viterbo e Civitavecchia – ma poi si sa che anche gli adulti apprezzano una cioccolata fatta come si deve. E questa la può garantire solo un artigiano”.

 

Da qui l’appello a “premiare la qualità, rivolgendosi alle pasticcerie che in questo periodo, nonostante le difficoltà – continua – stanno lavorando sodo per far sì che la pandemia non fermi la magia e il sorriso dei bambini alla vista del piattino pieno, la mattina del primo dicembre”.

 

Anche perché la scelta, come sempre, è varia e accontenta tutti: c’è la cioccolata fondente, quella al latte o bianca, come dimostra a Castiglione in Teverina la Cioccolateria Santori. Per gli indecisi è anche a doppio gusto e di tutte le taglie: la produce a Viterbo la Pasticceria Garibaldi. Non manca niente, neanche nella forma e nella sostanza, perché nella rete sono finiti anche pesci di marzapane e stelle marine, che propone la Pasticceria Primavera. Per non parlare del coloratissimo confezionamento, ne è un esempio la Pasticceria Alba. Ma la tradizione, come detto, è viva anche a Canino e Marpan Pasticceria la rende ogni anno più dolce.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui