“SIAMO VENUTI AL MONDO CON IL DOVERE DI MIGLIORARLO”. PAOLO BELLI INFIAMMA IL TEATRO DELL’UNIONE FRA MUSICA, DIVERTIMENTO E RIFLESSIONE

127

Viterbo- Coinvolgente, esilarante, divertente. Paolo Belli ieri sera, 30 marzo, alle ore 21 al Teatro dell’Unione, ha proposto uno spettacolo eccezionale per recuperare la data “saltata” il 5 marzo. L’evento si è svolto nell’ambito della stagione teatrale nata dalla collaborazione tra il Comune di Viterbo e ATCL Circuito multidisciplinare del Lazio, sostenuto da MIC – Ministero della Cultura e Regione Lazio.

Paolo Belli e la sua band

In “Pur di Far Commedia” la musica, le storie esilaranti e le profonde riflessioni hanno accompagnato il pubblico alla scoperta di personaggi surreali, ma che si dedicano senza limiti a realizzare il sogno di vivere seguendo le proprie passioni.

Paolo Belli e la sua band

Paolo Belli ha anche parlato con il pubblico viterbese, fra un brano e l’altro:” Io ho compiuto da poco 60 anni e mi domando cosa sarà della mia vita. Nelle decisioni che prendiamo, coinvolgiamo le vite degli altri, ma sono anche gli eventi inaspettati che sconvolgono le nostre esistenze. Due anni fa, chi pensava alla pandemia e la guerra? Vi chiedo un applauso per i musicisti, che non hanno lavorato in questi due anni. Vi ringrazio per aver scelto di essere qui. Avete fatto una cosa meravigliosa: stare in mezzo agli altri, nel rispetto delle regole. In questi 60 anni mi sono chiesto il motivo per cui siamo venuti al mondo: ebbene è per cercare di fare le cose giuste per noi e per gli altri. Siamo venuti al mondo con il dovere di migliorarlo e mettere tutti noi stessi per e con gli altri”.

Nel nuovo spettacolo, scritto con Alberto Di Risio, Paolo racconta, con la simpatia di sempre, anche le mille peripezie e i colpi di scena vissuti in tanti anni di carriera, fra provini a musicisti strambi ma geniali, momenti di riflessione e i suoi grandi successi rivisitati in una nuova veste. Paolo canta se stesso e propone canzoni di altri grandi artisti con la bravura e l’entusiasmo di chi, attraverso la musica, apre la sua anima al pubblico.

Prosa, canzoni e risate sono stati dunque gli ingredienti di “Pur di Far Commedia” dove Paolo, accompagnato da sette musicisti, ha molto raccontato e interagito con il pubblico viterbese, si è lasciato trasportare dai ricordi riuscendo a coinvolgere i presenti, emozionando ed emozionandosi, ripensando al percorso finora fatto.

Il pubblico di Viterbo ha applaudito, cantato e si è divertito con il musicista e la band. Infine, un lungo, interminabile applauso ha salutato Paolo e i suoi musicisti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui