Sistemato il capannone, la sfilata di carri e maschere è salva

Grazie all'aiuto della Compagnia Portuale, "Io Faro Carnevale" colorerà Civitavecchia domenica 23 fabbraio

136

La XXIV edizione della sfilata allegorica “Io Faro Carnevale” si farà. Il colorato corteo animerà le strade di Civitavecchia domenica 23 febbraio. Dopo l’sos lanciato la scorsa settimana dal coordinamento della manifestazione per la mancanza di un capannone idoneo dove allestire i carri, si è messa in moto la macchina dei soccorsi.

Grazie all’intervento tempestivo della stessa Compagnia portuale che ha provveduto a sistemare il capannone in località Aurelia per bypassare i problemi tecnici che avevano portato la commissione pubblici spettacolo a dare verdetto negativo, la struttura è stata ora giudicata adatta a diventare il cantiere per la preparazione dei carri. Un aiuto prezioso quello dei portuali guidati dal presidente Enrico Luciani che ha permesso alle decine di volontari di “Io Faro” di avere un tetto dove lavorare. Nell’ultima settimana c’era stato anche l’interessamento del Pincio con il sindaco Ernesto Tedesco e il consigliere Matteo Iacomelli che fin da subito si erano messi a disposizione degli organizzatori.

“Certo siamo un po’ in ritardo coi tempi – spiega il papà storico di “Io Faro” Sebastiano Petrarolo – e non sarà possibile riuscire ad essere pronti per la penultima domenica di Carnevale. Usciremo l’ultima, domenica 23 febbraio”. E mentre crescono le adesioni, soprattutto delle scuole, per questa edizione 2020 potrebbe ritornare a grande richiesta anche il concorso legato al bozzetto della sfilata. “Negli anni passati era un modo molto sentito per coinvolgere – prosegue Petrarolo – giovani e associazioni del territorio che si cimentavano a realizzare la locandina dell’evento. Sarei contento se questa bella tradizione tornasse”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui