Solo veleni e caos dall’esito del voto per le provinciali

161

Consiglio comunale privo del numero legale e saltato; commissione consiliare sconvocata; un sindaco – il forzista ortodosso Giovanni Arena – che pare inchiodato a un destino difficile e poco lusinghiero; un centrodestra – che detiene tuttora la maggioranza a Palazzo dei Priori – che sembra sul punto di implodere dopo tanti passi falsi.

Questi, per ora, sembrano i velenosi risultati delle elezioni provinciali a senso unico che si sono svolte una manciata di ore fa. Ed è chiaro e limpido il perché si sia giunti così vicini a sprofondare, con Viterbo defraudata dei suoi equilibri politici. La colpa di tutto ciò è una sola: da una parte la vittoria già decretata a tavolino di un’alleanza politica innaturale a tre Fi-Pd-M5s, dall’altra la debolezza di una coalizione che – con una diversa gestione del voto – avrebbe potuto addirittura prevalere. È andata in modo molto diverso e ciascuno pagherà le sue colpe: gli sconfitti e i “trionfatori”. Entrambi – senza rendersene pienamente conto –  avviati a procedere verso un binario morto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui