Fratelli D’Italia e le sue “juniores” sembrano aprire la strada ad un nuovo tipo di “europeismo”

Sovranismo ed Unione Europea, dibattito nella sede di FdI Viterbo

831

Fratelli D’Italia ha ospitato nella propria sede una conferenza culturale incentrata sull’Europa e sul sovranismo organizzata da Azione Studentesca e Gioventù Nazionale.

Sono intervenuti Riccardo Ponzio (Azione Studentesca), Massimo Giampieri (coordinatore provinciale FdI), Federico Palla (presidente regionale Gioventù Nazionale), il professor Jacopo Rubini e Marco Scatarzi, penna di Passaggio al Bosco Edizioni.

Si è parlato del ruolo che aveva prima l’Europa nelle decisioni politiche globali, paragonandolo a quello odierno considerato “più che marginale”, ma anche di tradizioni e valori europei.

Sono state analizzate le criticità della macchina burocratica dell’Ue, rimarcando come l’area “ami l’Europa, come civiltà, non come burocrazia”.

Diverse critiche quindi all’Ue e molti elogi alla tradizione e ai valori dell’Europa, considerata regina di civiltá. Presente anche il deputato Mauro Rotelli che però non ha preso la parola.

Tra citazioni a Marc Augè, all’Impero Romano e a quello di Carlo Magno, i relatori hanno fatto presente come l’idea di un’Europa unita non sia frutto della mente degli europeisti del 20esimo secolo ma bensì di quella di “tutti quelli che essi odiano”.

Fratelli D’Italia e le sue “juniores” sembrano aprire la strada ad un nuovo tipo di “europeismo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui