Ieri la candidata sindaco di Viterbo Venti Venti ha inaugurato il "luogo di partecipazione e ascolto, aperto a tutti"

Spazio attivo di San Martino e Tobia, per Chiara Frontini “testimonianza di vicinanza ideale e fisica”

232

Una presenza capillare e radicata sul territorio. Questo l’intento dei “luoghi di partecipazione”, come la candidata sindaco Chiara Frontini definisce gli Spazi attivi inaugurati negli ex comuni.

Dopo quelli di Grotte Santo Stefano e di Bagnaia, ieri è stato attivato quello di San Martino al Cimino e Tobia.

“Luoghi di partecipazione e di ascolto – spiega la leader di Viterbo Venti Venti – aperti a tutti, al di là di quelle che saranno poi le singole espressioni di voto alle elezioni”.

Per Chiara Frontini è importante “coinvolgere le persone che credono in un progetto civico” e lo Spazio attivo vuole essere testimonianza “non solo di vicinanza ideale ma anche fisica”.

Ha poi presentato i candidati consiglieri della frazione: Chiara Silvestri, Daniele Ferrari di Tobia, Diego Valentini, Rolando Gaetani, Giuseppina (Pina) Zoco e Maria Grazia Sbriccoli.

Sei gli “impegni, non promesse” per l’area.

Il Consiglio del territorio “strumento essenziale – dichiarano Frontini e Silvestri – per esprimere le voci di San Martino e di Tobia all’interno dell’amministrazione”.

I Servizi al cittadino con “la riapertura di un ufficio comunale, – chiede Zoco – a iniziare dall’Anagrafe”.

Il Turismo “come primo motore di sviluppo economico, fare rete tra Viterbo ed ex comuni” sottolinea la candidata sindaco ricordando il Progetto Città delle donne, che vede tra le muse ispiratrici donna Olimpia.

Pulizia e Sicurezza: tematiche evidenziate dai sammartinesi nel sondaggio civico. “Gestione ordinaria per la cura del verde e dei luoghi ma anche il rafforzamento del controllo del territorio. Con più telecamere e migliorando l’illuminazione in zone come via Abate Lamberto e strade limitrofe”.

E poi Tobia “con l’ex scuola che deve diventare un centro polivalente” suggerisce Sbriccoli. “Occorre rigenerare e riqualificare l’intera zona e riaprire la struttura per farne uno spazio importante per la socialità della frazione” ribadisce Chiara Frontini.

E per quanto riguarda le polemiche su strada Fonte, attualmente a senso unico, dichiara: “Deve tornare a doppio senso di marcia o, in caso di difficoltà, a circolazione alternata regolata da un semaforo”.

“Lo Spazio attivo, grazie ai candidati che si alterneranno, sarà aperto almeno quattro giorni a settimana” conclude Chiara Frontini.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui