Spiagge a numero chiuso e distanziamento ombrelloni: si decide il 4 maggio

363

Quali saranno i metodi per andare al mare e nelle spiagge questa estate rimane a oggi un mistero: ci sono state già varie proposte da tutta Italia, e quella del Lazio in particolare verrà presentata il 4 maggio; in questa data ci sarà infatti un vertice tra la Regione, i prefetti e i sindaci.

Dunque durante la riunione si decideranno tempi e modalità. Di certo, sarà importante saper bilanciare interessi economici degli stabilimenti balneari e necessità sanitarie.

Tra le principali e quasi certe proposte della Regione potremo trovare:

-accessi limitati (spiagge “a numero chiuso”, possibilmente su prenotazione, magari tramite app, come sta avvenendo in molte regioni del Sud e nelle isole)

-segnaletiche varie sui comportamenti da adottare e cartelli illustrativi

-igienizzazione continua di superfici pubbliche nei locali di ristorazione ma anche all’aperto

-limiti di spazio per clienti e operatori, in modo da mantenere le distanze stabilite dal decreto

-distributori di gel igienizzante per le mani all’ingresso e in quanti più punti possibili, della spiaggia e dei locali annessi

-distanziamento degli ombrelloni come previsto dagli esperti (circa 2-3 metri l’uno dall’altro, come i tavoli nei ristoranti)

-igienizzazione frequente di attrezzature balneari (ombrelloni, lettini, ecc.)

Nel Lazio si sta vociferando anche la possibilità di “braccialetti” che segnalerebbero eventuali assembramenti. Sembra, inoltre, che sia stata scartata l’ipotesi dei divisori in plexiglas, di cui tanto si è parlato.

In più, ovviamente, nelle località marittime andranno rispettate le norme generali del decreto, tra le quali è opportuno ricordare: una riduzione drastica dei coperti nei locali di ristorazione, l’obbligo della mascherina soprattutto per gli operatori e la misurazione della temperatura corporea all’ingresso dello stabilimento (o del locale).

La stagione, salvo sorprese dell’ultimo minuto, dovrebbe avere inizio intorno al 18 maggio, con un anticipo tale da permettere alle amministrazioni locali e ai lavoratori di organizzarsi per tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui