Con un morso stacca l’orecchio al coinquilino: condannato

Protagonista della storia un uomo di origini pakistane, condannato a mille euro di multa, per avere causato con un morso l'amputazione di parte dell'orecchio di un nigeriano suo coinquilino.

337
ambulanza

Nel corso di un litigio con un morso stacca l’orecchio al coinquilino.

Protagonista della storia un uomo di origini pakistane, condannato a mille euro di multa, per avere causato con un morso l’amputazione di parte dell’orecchio di un nigeriano, suo coinquilino, durante una lite avvenuta nel 2015 in un’abitazione viterbese condivisa con altri stranieri.

Motivo del litigio un cestino di cibo. “Quella mattina, mentre uscivo per andare al lavoro, ho preso la busta con il pranzo del nigeriano. La sera quando sono tornato, l’ho trovato ubriaco e mi ha aggredito con l’aiuto di un suo connazionale mi teneva fermo per le braccia. La mia fidanzata, per la paura, è scappata sul tetto. A un certo punto sono riuscito a liberarmi e, per difendermi, ho afferrato la bottiglia di vino e gliel’ho sferrata in testa. Ma non l’ho morso”. Così si è difeso l’imputato, rappresentato dall’avvocato Anna De Cesare.

Ma il referto medico del pronto soccorso di Belcolle evidenzia altro, come affermato dal pubblico ministero. Si parla di “amputazione parziale del padiglione auricolare” e di una “piccola ferita da morso sul braccio sinistro”. Sulla base di questo la condanna. Il giudice Giacomo Autizi ha deciso per una multa di mille euro. L’accusa aveva chiesto la pena di 4 mesi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui