Orte, africano in manette: addosso un carico di eroina

Continuano le operazioni di contrasto allo spaccio di droga da parte della Polizia di Stato della squadra mobile della Questura di Viterbo, che questa volta hanno permesso di intercettare un uomo che aveva con sé un etto di eroina suddivisa in dosi pronte per lo smercio.

310
polizia

Continuano le operazioni di contrasto allo spaccio di droga da parte della Polizia di Stato della squadra mobile della Questura di Viterbo, che questa volta hanno permesso di intercettare un uomo che aveva con sé un etto di eroina suddivisa in dosi pronte per lo smercio.

Il corriere, un insospettabile trentottenne di origine africana, munito di regolare permesso di soggiorno trasportava 20 involucri contenenti sostanze stupefacenti per un peso complessivo di oltre 100 grammi. I poliziotti lo hanno fermato alla stazione di Orte, mentre acquistava un biglietto del treno per Viterbo.

Anche grazie alla collaborazione della Polizia Ferroviaria dell’importante snodo è stato bloccato un pericoloso quantitativo di droga “pesante”, infatti, dai primi accertamenti la sostanza è risultata essere un particolare tipo di eroina tristemente conosciuta per gli effetti devastanti che ha sulla salute di chi la assume e per l’immediata dipendenza fisica che provoca.

Al momento sono in corso le analisi per stabilire la purezza della droga sequestrata, il cui valore, secondo una prima stima, si dovrebbe aggirare tra i 6-8 mila euro, in considerazione del fatto che non si tratta della cosiddetta “brown sugar” (droga più comune), bensì di una sostanza più rara che inizia a prendere piede nelle grandi città di Italia.

Il brillante risultato conseguito dalla collaborazione dei due uffici di polizia, permetterà agli investigatori di conoscere meglio i canali di distribuzione della droga nella Tuscia, considerato che l’eroina sequestrata era destinata allo smercio nelle piazze di questo capoluogo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui