Riceviamo e pubblichiamo

“Storie di alternanza”, gli studenti del Savi e del Besta trionfano nella Tuscia

Il concorso, ideato e promosso a livello nazionale da Unioncamere, mira ad accrescere la qualità e l’efficacia dei percorsi di “Alternanza Scuola-Lavoro”

221

“Besta” e “Savi” sono gli istituti scolastici della Tuscia che si sono aggiudicati, per il bando relativo al secondo semestre 2019, il Premio “Storie di Alternanza” rilasciato dalla Camera di Commercio Viterbo. Ideato e promosso a livello nazionale da Unioncamere il concorso mira ad accrescere la qualità e l’efficacia dei percorsi di “Alternanza Scuola-Lavoro” facendone, con la collaborazione attiva delle imprese e degli Enti coinvolti, un’esperienza realmente significativa per gli studenti attraverso il “video-racconto” delle attività svolte e delle competenze maturate nel percorso di Alternanza tra la scuola e il mondo delle imprese.

A essere premiati sono stati per la categoria Licei:
1° “ Impara l’arte e…portala in strada” dell’Istituto Omnicomprensivo “F. Besta” di Orte.

Per la categoria Istituti tecnici e professionali:
1° “Savitaly” dell’ITE “P. Savi” di Viterbo .

“Gli Istituti scolastici secondari della Tuscia – ha dichiarato Federica Ghitarrari, dirigente della Camera di Commercio Viterbo – hanno mostrato sempre interesse ed entusiasmo per le diverse iniziative che l’Ente camerale attua per potenziare l’incontro tra mondo della scuola e della formazione con quello del lavoro. Momenti come questi non fanno che rafforzare negli studenti, nei docenti e nelle persone coinvolte il valore delle esperienze svolte con i progetti di Alternanza Scuola-Lavoro”.

Alla cerimonia di premiazione – oltre a una rappresentanza di studenti, docenti e tutor aziendali – sono intervenuti: per l’ITE “P. Savi” di Viterbo la dirigente scolastica Paola Bugiotti e la tutor M. Luigina Paoli; per l’Istituto Besta di Orte la dirigente scolastica Fiorella Crocoli e la tutor Chiara Meucci; per lo Spazio attivo Viterbo di Lazio Innova la referente Dania Grani per il CeFAS il vicedirettore Stefano Gasbarra.

In questa quinta sessione del Premio “Storie di alternanza” hanno partecipato a livello nazionale 172 scuole che hanno inviato complessivamente 203 progetti (97 dagli Istituti tecnici e professionali e 106 dai Licei), coinvolgendo quasi 3mila studenti. Nel complesso sono stati 1.816 i progetti presentati nel corso delle cinque sessioni che si sono susseguite dall’istituzione del premio e che hanno coinvolto oltre 21.000 studenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui