Storni: sabato sera buone notizie per P.le Gramsci, sempre pessime per Porta Romana

Sabato sera ci siamo recati a fare una passeggiata in Piazzale Gramsci per vedere l'effetto dei dissuasori sonori installati la sera precedente

567

Sabato sera ci siamo recati a fare una passeggiata in Piazzale Gramsci per vedere l’effetto dei dissuasori sonori installati la sera precedente. L’effetto c’è stato e si vede subito. Su quei pini non c’era l’ombra di un volatile, mentre i dissuasori mandavano nell’aria versi registrati, di storni in preda al panico e allarmati, come in un pericolo incombente. Da Piazzale Gramsci ci siamo recati a Porta Romana e la musica era completamente diversa.

Qui i dissuasori non sono stati installati, e i Cedri potati drammaticamente, erano affollatissimi di storni. La stessa cosa per le chiome dei pini che sovrastano la fermata dei bus Costral. Ci siamo messi pochi minuti sotto la pensilina del Cotral, e abbiamo ascoltato un bel concerto sonoro fatto dalla pioggia insistente e continua di escrementi e noccioli di olivo. I noccioli risuonavano con colpi secchi sulla lamiera del tetto, mentre il guano si appoggiava con rumore ovattato.

Quel che resta dei Cedri del Paolo Savi.

Ora rimane da vedere per quanto tempo funzioneranno i dissuasori, perché una corrente di pensiero afferma, che poi gli animali capiscono il trucchetto, e continuano ad occupare quegli alberi per il loro riposo notturno, che prevede (purtroppo) anche la concimazione con abbondante guano, del terreno sottostante.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui