Stradale, oltre 8 mila euro di sanzioni ad autofficine irregolari nella Tuscia

177

Nell’ultima settimana del mese di maggio, gli operatori della Polizia Stradale hanno posto in essere diversi controlli amministrativi a vari autofficine e rivenditori nella Tuscia emettendo sanzioni per un totale di 8000 euro.

Nel particolare, le verifiche si sono tenute a Castel Sant’Elia, una rivendita di pezzi di ricambio per autovetture priva della prescritta autorizzazione del Sindaco, per cui si è proceduto ad elevare una contestazione pari a 5.164 euro; sulla Via Cassia, ai confini di provincia in direzione di Roma, il titolare di un centro di raccolta di veicoli da demolire è stato sanzionato, con un verbale pari a 1.666 euro, per non aver versato al P.R.A. entro 30 gg. le targhe, il certificato di proprietà e la carta di circolazione di un veicolo radiato; a Monterosi, un’attività di compravendita di auto usate in conto terzi è stata sanzionata con un contesto di 1.032 euro per mancanza della prescritta licenza/comunicazione al Sindaco di inizio attività, nonché con altro verbale pari a 308 euro per non aver predisposto il prescritto registro di “entrata-uscita” dei veicoli dall’attività commerciale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui