Studente del Liceo Buratti presenta un suo libro sulla ferrovia Civita-Viterbo! Una copia donata al Sindaco Arena

L'autore è Matteo Jarno Santoni, studente del liceo classico Mariano Buratti che ha donato una copia al sindaco Giovanni Maria Arena

143
ferrovia

Presentato, nel cortile di Palazzo dei Priori, il libro “La ferrovia elettrica Roma – Civita Castellana – Viterbo”.  L’autore è Matteo Jarno Santoni, studente del liceo classico Mariano Buratti che ha donato una copia al sindaco Giovanni Maria Arena e all’assessore Laura Allegrini.

“La pubblicazione di Matteo Jarno Santoni – ha spiegato l’assessore Allegrini – intende riassumere la storia più che centenaria del fondamentale collegamento ferroviario della Roma Nord, infrastruttura cardine per la mobilità della Tuscia e allo stesso tempo linea con una spiccata vocazione turistica, che si auspica venga sfruttata a beneficio del territorio. Abbiamo già conosciuto il nostro giovane concittadino per i suoi studi dedicati al territorio, in particolar modo alla linea ferroviaria.

Questo suo libro è un’ulteriore testimonianza della sua maturità e del suo attaccamento a questa nostra città. Mi congratulo con Matteo Jarno e lo ringrazio per il tempo prezioso che ha dedicato alla realizzazione di questo importante volume”.

A congratularsi con il giovane autore anche il sindaco Arena: “Uno studente studioso. E non mi riferisco solo ai testi scolastici. Il nostro giovane concittadino studia, si documenta, approfondisce aspetti del nostro territorio. Da Matteo Jarno abbiamo molto da imparare. Leggerò con grande piacere e attenzione quanto da lui scritto all’interno del volume che oggi ho ricevuto direttamente dalle sue mani. A lui un grande in bocca al lupo per l’anno scolastico appena iniziato e un grazie per questa sua preziosa pubblicazione”.

La pubblicazione è stata curata dalle edizioni Calosci di Cortona, e costituisce il novantatreesimo titolo della collana di “Storia dei Trasporti pubblici”, iniziata nel 1979 e premiata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui