Stupro di gruppo: è bufera sulla pagina social di Enrico Mentana

Il suo post "Reportage da Vallerano, il paese della violenza" scatena l'ira dei cittadini

704

Lo stupro di Viterbo, oltre a costituire un abominevole episodio di violenza, è stato spunto, negli ultimi giorni, di contrapposizioni politiche, scontri verbali tra innocentisti e colpevolisti, polemiche velenose alimentate sui social.

L’ultima, in ordine di tempo, è quella, molto accesa, che si è sviluppata sulla pagina di Enrico Mentana che, nell’introduzione di un articolo del suo giornale scrive: “Reportage da Vallerano, il paese della violenza, dove Casapound prese il 20% alle comunali.”

Una generalizzazione che non è affatto piaciuta nè ai valleranesi nè a tutti coloro che il paese lo conoscono per importanti manifestazioni come la Notte delle Candele o la Sagra delle Castagne.

Tantissimi i commenti al vetriolo che si susseguono in calce all’articolo e che si contrappongono per toni e contenuti.

C’è chi si proclama contro la generalizzazione che va a discapito di un’intera comunità e chi risponde, in maniera provocatoria che: “15 righe di totale, imbarazzante insulto alla grammatica italiana: sì, lei li ha decisamente votati!”, come se fosse l’uso dell’italiano a determinare l’orientamento politico di una persona.

Una querelle, insomma, che trae origine da un orrendo fatto di cronaca diventando motivo di scontro e di aggressività verbale tra persone che nemmeno si conoscono, e delle quali nessuna ha il mimimo pensiero per la donna che è stata così atrocemente abusata.

Una deriva contro la quale è lo stesso sindaco Gregori a prendere posizione con una nota ufficiale a tutela del buon nome del paese: “L’Amministrazione comunale esprime la sua più totale vicinanza nei confronti della vittima di violenza e ripone la più assoluta fiducia nel lavoro delle forze dell’ordine e degli inquirenti. Attendiamo che i fatti sin qui delineati siano confermati, al fine di intraprendere tutte le azioni necessarie volte a tutelare l’immagine dell’Amministrazione stessa, e di tutta la comunità che rappresenta, secondo quanto previsto dalla normativa vigente.

Dalle prime ore della giornata, Vallerano si è svegliata incredula leggendo notizie che mai avremmo pensato possibili all’interno della nostra comunità. Il paese che ho l’onore di rappresentare nella sua stragrande maggioranza, quasi nella sua totalità, si è sempre distinto per i valori della non violenza, della tolleranza e del confronto democratico.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui