Sul bonus idrico si abbatte la censura del Pd nostrano

167

“L’approvazione da parte della commissione Bilancio della Camera dei Deputati degli emendamenti a firma di Alessia Rotta (Pd) e Mauro Rotelli (FdI) per sostenere la sostituzione dei sanitari e delle rubinetterie fino ad un massimo di spesa di 1000 euro è un risultato molto importante che premia il lavoro delle aziende ceramiche”.

Così scriveva Alessandro Mazzoli (Pd) all’indomani dell’importante notizia, ripresa anche a livello nazionale, dello stanziamento di 15 milioni di euro a favore del risparmio idrico deliberato per il 2021.

L’uso del tempo imperfetto, in questa circostanza, non potrebbe essere più azzeccato.

Infatti, il comunicato inviato il 21 dicembre dal commissario del circolo Pd di Civita Castellana, Alessandro Mazzoli, nel quale, giustamente, si rivendicava il lavoro congiunto dei due deputati Rotta (Pd) e Rotelli (Fdi) è, improvvisamente, scomparso dalla Rete per essere sostituito da un altro “politicamente scorretto”.

Nella seconda versione, epurata, del 22 dicembre, il merito del provvedimento è diventato, magicamente, tutto del Pd, visto che, sempre Mazzoli, ritornando sui suoi passi, scrive: “Da parte nostra, come Partito democratico, abbiamo sempre sostenuto questa battaglia ad ogni livello istituzionale facendo sentire la voce del territorio….. Questo è quello che conta ed ora ci sembrano inopportune rivendicazioni di parte che non corrispondono alla realtà.”

Ancora meglio di lui riesce a fare l’altro campione del partito, Enrico Panunzi, che diventa, a sua volta, lo stesso artefice del bonus idrico.

Rincarando la dose di autocelebrazione, il consigliere regionale scrive, trionfale: “Il risultato di un lungo confronto partito a luglio con imprese, associazioni di categoria e istituzioni locali nel quale come consigliere regionale, insieme al Partito democratico, ho dato il mio contributo, facendomi portavoce delle istanze di un settore vitale per la Tuscia.”

Al consigliere, dalla memoria corta e dalla rivendicazione veloce, si consiglia la lettura illuminante di quest‘intervista, rilasciata alla nostra testata dallo stesso Mauro Rotelli, in cui viene tracciata la cronostoria della misura, per la quale il deputato di Fdi si sta battendo da tempi non sospetti:

“Facendo campagna elettorale nel 2018, a Civita Castellana, ho incontrato gli imprenditori del comparto della ceramica. Mi hanno raccontato di quante risorse sono state impiegate, negli anni, in ricerca e sviluppo soprattutto finalizzati al risparmio idrico dei sanitari.

O, altrimenti, ugualmente istruttivo ed utile a ristabilire le effettive  competenze, il supplemento QuiFinanza di Italiaonline, dove si parla di: “Un emendamento bipartisan (nato dalla “fusione” di due provvedimenti analoghi presentati da Mauro Rotelli di Fratelli d’Italia e da Alessia Rotta del Partito Democratico)”.

Evidentemente, nella fretta di mettere il cappello ad iniziative di altri, i soloni del Pd sono riusciti a mettere a tacere la stampa locale dimenticando però, come sempre, che le notizie circolano anche oltre Viterbo!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui