Sul Consorzio di bonifica ha ragione chi s’arrabbia

344
Giovanni Masotti

Magari non sarà così, ma questa vicenda delle tre liste (su quattro) di “Agricoltori riuniti” fatte fuori dalla partecipazione alle elezioni per il rinnovo del Cda del Consorzio Bonifica Etruria meridionale e Sabina sembra proprio che puzzi di bruciato.

Come può lo 0,5 per cento costituito da Montelibretti, minuscolo Comune della Provincia di Roma, “tenere in ostaggio” e impedire la rappresentanza di 14 mila agricoltori della Tuscia e della Sabina? Può un sottile cavillo provocare una simile assurdità?

Fanno bene, a nostro avviso, le tre associazioni di categoria colpite da questa cervellotica decisione del commissario a rivolgersi al Tar e al Quirinale.

Vediamo chi avrà ragione. Noi stiamo dalla parte di chi invoca la logica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui