“Suoni dalla terra”, il sottosuolo della Tuscia fa jazz!

Il sottosuolo – se sottoposto a stimoli attraverso strumenti particolari – reagisce con "frequenze" che possono essere registrate e utilizzate come base musicale

jazz

Un progetto di livello mondiale per raccontare i suoni del nostro sottosuolo.

Dopo aver presentato il suo lavoro in Australia e in Colorado, il geologo Antonio Menghini ci parla de “I Suoni della Geologia d’Italia”, un tour di concerti curato da EMusic e prodotto con il contributo della Regione Lazio e della Fondazione Italia Sostenibile, che attraverserà sette tappe nella penisola.

“Il progetto – racconta il geologo Menghini – ha lo scopo di coniugare arte e scienza e di presentare al pubblico il territorio sotto forma di note musicali, con particolare riferimento a quelle aree che hanno avuto grande rilevanza per lo sviluppo evolutivo della penisola”.
Gli studi scientifici da lui realizzati dimostrano che il sottosuolo – se sottoposto a stimoli attraverso strumenti particolari – reagisce con “frequenze” che possono essere registrate – e successivamente – utilizzate come base musicale.

Proprio così, la nostra terra suona! E oggi, a Civitavecchia, suonerà il jazz.

Alla Cittadella della Musica alle 21 si terrà il primo dei sette concerti in giro per l’Italia. Come special guest ci sarà il jazzista Enrico Rava, che si unirà al quartetto di Marco Guidolotti e al team di EMusic ne “I suoni di Traiano”. Una jam session “a sorpresa”, nella quale la geologia di quei territori offrirà la “partitura” sulla quale i musicisti improvviseranno.

Il 6 dicembre il focus si sposterà invece sui Monti Cimini, dichiarati patrimonio dell’UNESCO. Durante il quinto concerto a Soriano nel Cimino, al Cineteatro Florida, verrà eseguito il brano “I Suoni della Faggeta”.

“In quest’occasione coinvolgeremo il quartetto di Marco Guidolotti – anticipa il geologo Menghini – che realizzerà una jam session con i suoni ricavati proprio sulla vetta del domo vulcanico Cimino”. Nel 2017 un altro concerto simile si era svolto nel teatro romano di Ferento. Un modo originale e creativo per raccontare la straordinaria ricchezza territoriale della nostra Tuscia.

Il tour si concluderà il 22 dicembre a Rocca Abbaziale a Subiaco, in provincia di Roma, con special guest il sax di Marco Guidolotti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui