Dopo la rivelazione della consigliera comunale Luisa Ciambella

Talete: fuori tutta la verità sull’assemblea del 30 dicembre!

"Vogliamo sapere, lo vogliono i cittadini del viterbese, come andò effettivamente quella strana assemblea della Talete dello scorso 30 dicembre"

237
La sede di Talete Spa a Viterbo

La rivelazione-denuncia venuta dalla consigliera comunale dem Luisa Ciambella merita di essere approfondita. Vogliamo sapere, lo vogliono i cittadini del viterbese, come andò effettivamente quella strana assemblea della Talete dello scorso 30 dicembre da cui uscì l’approvazione di un ennesimo forte aumento delle bollette dell’ acqua (45 per cento in cinque anni)!

Il direttore Giovanni Masotti

Non è mai stato chiarito fino in fondo che cosa successe in quell’occasione. Ora che – lo sostiene l’esponente dell’opposizione a Palazzo dei Priori – sappiamo che undici sindaci su ventisette (undici, badate bene, non facenti parte della società) avrebbero votato a favore dei pesanti rincari, a maggior ragione pretendiamo che ci si dica se questa circostanza – censurabile comunque solo da un punto di vista etico – è vera o non è vera.

Il sit – in svoltosi ieri dall’associazione “Non ce la beviamo”

E, se venisse confermato che è vera, vorremmo conoscere chi sono questi undici primi cittadini che – pur non essendo direttamente parte in causa – hanno ritenuto di esprimersi in quella maniera e perché nell’assemblea della SpA Talete. Verità e chiarezza non guastano quando si parla di una realtà societaria su cui c’è davvero molto ma molto da ridire ed eccepire. Non si giochi sulla pelle dei cittadini-utenti. Parliamo di acqua, signori, non di un bene di lusso!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui