L'amministratore unico esprime però rammarico per l'astensione e il voto contrario di alcuni Comuni

Talete, Genova: “Non un’apertura al privato ma un via libera a mandato esplorativo per trovare nuove risorse” 

100
A sx la sede di Talete, a dx Salvatore Genova, nuovo amministratore unico della società

Sull’esito dell’assemblea dei soci Talete, tenuta ieri 26 aprile, è la stessa Spa a diramare un comunicato. 

Nota che, specifica, è pubblicata anche sul sito della società.

“Non è un’apertura al privato, quella di oggi (ieri ndr.) è un via libera a una richiesta di aiuto che sarà rivolta a istituzioni, amministrazioni locali, istituti di credito o appunto partner privati. Non fa differenza” ha dichiarato Salvatore Genova, Amministratore Unico di Talete Spa. 

L’apertura alla ricerca di nuovi soci è stata data ieri mattina nella sede della Provincia di Viterbo, presenti il presidente Pietro Nocchi che ha aperto il dibattito e altri 21 rappresentanti dei Comuni interessati tra sindaci, vicesindaci e delegati. 

Al termine dell’incontro il numero uno di Talete ha ringraziato per l’opportunità del “mandato esplorativo omnicomprensivo” a lui affidato al fine di trovare nuove risorse utili alla causa. 

“Unico rammarico – ha concluso Genova – quello di aver riscontrato come alcuni soci, pur avendo aderito al progetto di ricostruzione, alla fine si sono astenuti o hanno espresso parere contrario. Il mandato esplorativo diventa così un primo passo verso il cambiamento di rotta quanto mai necessario per chiudere un capitolo e aprirne un altro”.


Salvatore Genova, Amministratore unico di Talete Spa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui