Entro il 1 marzo si deve decidere se affidare la guida della società di nuovo a un CdA o a un amministratore unico

Talete, oggi consiglio straordinario in Comune. Arena: “Avviati gli incontri per la nuova governance”

235
Sindaco assente al consiglio straordinario

Approda oggi sul tavolo del parlamentino di Palazzo dei Priori, in seduta straordinaria, un tema tra i più incandescenti: Talete.

Ci sarà molto da discutere: dai temuti aumenti delle tariffe idriche per rincorrere il chimerico prestito da 40 milioni di Arera all’individuazione di una nuova governance dopo le dimissioni che hanno portato il CdA a decadere.

Su tale fronte sono stati avviati gli incontri per iniziare a valutare i pro e i contro delle ipotesi in campo: puntare di nuovo su un consiglio di amministrazione o percorrere la strada dell’amministratore unico.

“Abbiamo avuto un incontro preliminare. – spiega il sindaco Arena – Dobbiamo capire cosa fare e come procedere. Nessuna preclusione da parte delle forze politiche, sia di centrodestra che di centrosinistra, né sul CdA né sull’amministratore unico”.

Qualora la scelta dovesse cadere sull’amministratore unico “serve tempo perché arrivare all’eventuale nomina non è semplice. Occorre indicare una linea di ciò che vogliamo poi predisporre le procedure di evidenza pubblica”.

Arena mette sul piatto anche la questione del compenso “se vuoi un amministratore bravo lo devi pagare”.

Un riferimento non casuale, considerato che l’indennità per un componente del CdA si aggirava attorno ai 400 euro e per il presidente a poco più di mille euro.

Intanto il tempo scorre, entro la scadenza del primo marzo si deve arrivare a una decisione.

Il prossimo incontro dovrebbe tenersi verso la fine della settimana.

Nel frattempo “dovremo sentire la segreteria tecnica dell’Ato e il direttore di Talete e acquisire tutta una serie di informazioni che possono essere utili” conclude Arena.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui