Tari, Erbetti: “Per le strutture ricettive di Viterbo oltre al danno la beffa”

229
erbetti

Il consigliere comunale M5s, Massimo Erbetti: “In questi giorni stanno arrivando le cartelle di pagamento Tari anno 2020, da una semplice analisi si evince che il titolare di un Alloggio ad uso Turistico con un solo residente, ma che per effetto delle disposizioni del Comune di Viterbo deve pagare come se fossero residenti 6 persone, è aggravata di un aumento di circa il 7%, nonostante in consiglio comunale veniva ampiamente spiegato che l’aumento avrebbe riguardato solo i nuclei familiari da tre componenti in su. Oltre “al danno” dell’aumento, si aggiunge la beffa, visto che la tariffa da corrispondere non tiene in considerazione i mesi di inattività dovuti al lockdown di inizio anno ai quali si andranno ad aggiungere le settimane a venire.

Inoltre si tenga in considerazione che mentre per il Comune di Viterbo gli Alloggi ad uso Turistico sono considerati a tutti gli effetti una Struttura Ricettiva Extralberghiera con conseguenti oneri a carico, per la Regione Lazio e per lo Stato Italiano non lo sono, la conseguenza di questa discrepanza ha fatto si che gli alloggi ad uso turisto non hanno neanche potuto usufruire dell’aiuto di 600€ erogato dalla Regione Lazio.

Se è vero che le strutture ricettive non sono state obbligate alla chiusura ne ad inizio anno, ne dall’ultimo DPCM, i dati contabili in possesso dell’amministrazione comunale ( imposta di soggiorno versata) consentono di stabilire in modo preciso il quadro della situazione che dimostra zero presenze per il periodo in discussione.

Ancora una volta questa amministrazione sembra agire in modo distaccato dalla realtà che invece i suoi cittadini devono affrontare quotidianamente.

Dopo la retromarcia delle spese folli per il Natale è opportuno che si riveda anche questa folle richiesta di denari.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui