Il sindaco conferma che non si tratta di un caso di contagio ed invita alla calma

Tarquinia, Giulivi sul sospetto caso di coronavirus: “Cittadini seguano i canali istituzionali”

273

Il sindaco Alessandro Giulivi di Tarquinia, invita i cittadini alla calma: l’esito negativo del tampone effettuato allontana il pericolo Coronavirus.

“Nella giornata di ieri, a seguito alla diffusione di notizie non controllate, non verificate sull’eventuale stato di salute di un cittadino di Vetralla che si è recato presso l’Ospedale Civile di Tarquinia, precisiamo che sono state messe in atto tutti i protocolli operativi e attivate tutte le analisi previste in caso di sintomi simili al Covid-19.
Tutte le analisi hanno dato esito negativo.
La notizia ufficiale del ‘non contagio’ è arrivata in forma definitiva alle 3 e 30 di questa mattina dallo Spallanzani dove i tamponi sono stati presi in esame.
‘Invito i cittadini a non lasciarsi suggestionare da notizie fuori controllo diffuse da organi non ufficiali’. Lo dichiara il sindaco di Tarquinia Alessandro Giulivi.
‘Non ci sono stati, ad oggi sul nostro territorio casi di Coronavirus. Tutto è comunque sotto controllo – prosegue Giulivi – e pronto, eventualmente, per affrontare ogni forma di emergenza, dalla più lieve alla più importante’.
‘Voglio ringraziare – conclude il primo cittadino – tutto il personale del nostro ospedale i nostri medici di base e i tecnici dello Spallanzani e tutte le persone che lavorano senza sosta da settimane per tutelare la salute dei nostri cittadini e di tutti gli italiani. Rivolgo, per l’ennesima volta, il mio invito a seguire le direttive indicate dal Ministero della Salute e della ASL; a non creare allarmismi; a non fare circolare notizie non confermate e continuare a vivere le giornate in tranquillità. Trasmetteremo, se ce ne fosse bisogno, notizie ufficiali dai canali istituzionali. Non nasconderemo nulla ai nostri cittadini’.

Il Sindaco
Alessandro Giulivi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui