Il sindaco si sfoga sull'Ansa dopo aver vietato sport e passeggiate

Tarquinia, pugno duro di Giulivi: “Gli italiani hanno bisogno di misure drastiche per il coronavirus”

188

Tarquinia è stato il primo comune a dire addio a sport e passeggiate: a deciderlo è stato il primo cittadino Alessandro Giulivi, che ha confidato all’Ansa il perché dell’arrivo della drastica misura per contenere il coronavirus.

“Gli italiani hanno bisogno di misure drastiche, non hanno capito la gravita’ di quello che sta succedendo e di quello che ancora deve accadere”, ha dichiarato Giulivi all’agenzia di stampa nazionale.

Il suo sfogo arriva dopo che molti cittadini hanno continuato, in questi giorni di quarantena, a dirigersi al mare per prendere il sole o per passeggiare e andare in bicicletta ammassati gli uni agli altri.

Lo stesso sindaco definisce la sua come “un’ordinanza durissima” ma strettamente necessaria. Ad aiutarlo nell’ardua decisione, la sua esperienza come esperto della Protezione Civile. Giulivi è infatti stato impegnato più volte, come pilota di elicottero, nei giorni scorsi nel trasporto di malati da Bergamo a Roma.

Come ricorda l’Ansa, c’era lui alla guida anche del primo elicottero arrivato ad Amatrice la notte del terremoto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui