Termalismo, Contardo: “Ambizioso progetto per riqualificare il Bullicame”

Intervistato, Enrico Contardo espone lo stato dell'arte del termalismo a Viterbo

702
La pozza del rospo smeraldino asciutta dal 2014.

Siccome è alle porte la stagione primaverile che privilegia i bagni termali, abbiamo chiesto e ottenuto una intervista all’assessore al Termalismo, Enrico Maria Contardo  per conoscere lo stato dell’arte.

Assessore Contardo buongiorno e grazie per questa intervista. Comincerò dalle domande più antiche. Mi dice per favore a che punto è l’assegnazione dell’acqua del S. Albino?

Si sta riunendo un’apposita Commissione per definire questa concessione e quanto prima definiremo il tutto, così come per il pozzo S. Valentino.

Novembre 2014. Si lavora al S. Valentino.

Poi c’è in ballo anche la chiusura del pozzo delle Zitelle. A che punto siamo?

La Regione ci ha dato in concessione il pozzo delle Zitelle, con il disegno della perimetrazione, che stiamo portando avanti. Appena avremo tutti i permessi procederemo alla chiusura con il ricondizionamento.

Assessore Contardo, in questi giorni il Bullicame ha di nuovo la “callara” piena e appare in buona salute. Da cosa dipende secondo lei?

enrico contardo vicesindaco viterbo
Il vicesindaco Enrico Contardo (Lega)

Il Comune in collaborazione con la Arpa, ha da qualche tempo, iniziato il controllo dei pozzi per acqua di abitazione, che insistono nella zona termale. I pozzi sono tutti dotati di contalitri, e quindi facilmente controllabili. Poi il Comune ha fatto anche una richiesta ai Carabinieri Forestali, per un controllo fotografico-aereo, di tutte le emergenze liquide che sgorgano sul territorio termale, con apparecchiature Termo Laser, per scoprire eventuali usi impropri di acqua termale (piscine private, irrigazione di orti e altro).

Si è sempre parlato di sistemare il Parco del Bullicame, per renderlo pienamente fruibile. Ci può dire che novità ci sono in vista?  

La sorgente del Bullicame come si presentava ieri.

Abbiamo messo a punto un ambizioso progetto di riqualificazione di tutto il Parco del Bullicame. Una copia è stata inviata alla Soprintendenza. Il prossimo tre marzo abbiamo in programma una visita alla Soprintendenza, per ascoltare eventuali rilievi. Tale progetto, sul quale il Comune investirà 120.000 euro, prevede bagni in muratura con acqua corrente, locali spogliatoi, locali docce, casetta del custode, tettoie e panche , una fontana di acqua potabile, impianto di illuminazione e impianto di videosorveglianza. E’ anche previsto il ridimensionamento della vasca grande per poterla riempire di acqua calda. Insomma se la Soprintendenza ci darà l’ok, avremo veramente un bel Parco. Inoltre tutto il verde sarà curato dal personale dell’Orto Botanico, per la cura e la preservazione delle piante autoctone quali Elicriso, Giunco, Santolina Etrusca e altre ancora. Per chiudere questa intervista se mi permette vorrei pubblicamente ringraziare il dirigente del Settore Termale, dott. Eugenio Maria Monaco e quanti collaborano per lo sviluppo del termalismo viterbese, tra liberi professionisti e dipendenti comunali, senza i quali sarebbe impossibile raggiungere i risultati che ci prefiggiamo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui