Terremoto, Pirozzi finisce alla sbarra per il crollo di una palazzina ad Amatrice

L'ex sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi è stato rinviato a giudizio con altre 5 persone per il crollo di una palazzina dove persero la vita 7 persone

222
pirozzi

L’ex sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, attualmente presidente della Commissione terremoto della Regione Lazio, è stato rinviato a giudizio con altre 5 persone per il crollo di una palazzina dove persero la vita 7 persone.

La tragedia avvenne in seguito al sisma del 24 agosto 2015, data che mai sarà dimenticata in Italia. Secondo gli inquirenti, i lavori di ristrutturazione dell’edificio non avrebbero rispettato le norme antisismiche che avrebbero potuto salvare la palazzina e la vita dei suoi inquilini.

“Affronterò il processo a testa alta”, ha dichiarato Sergio Pirozzi, sicuro di poter dimostrare che la responsabilità dei fatti non è la sua. “Sono sotto processo per non aver revocato un’ordinanza di sgombero emessa dal mio predecessore e che, per legge, non necessitava di essere revocata”, si è giustificato Pirozzi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui