Torna in collina la V edizione del premio letterario Glauco Felici

Sul palco, i tre finalisti selezionati dalla giuria di qualità: Leonardo Fredduzzi con il libro “La Venere di Taškent”, Giuliano Pesce con “L’inferno è vuoto” e Angelo Petrella con “Fragile è la notte”.

202

Sabato 12 ottobre alle 21, presso il Teatro Claudio di Tolfa (Roma), si terrà un nuovo appuntamento del Festival letterario Tolfa Gialli & Noir: la V edizione del Premio Glauco Felici – Fondazione CARICIV, rivolto agli scrittori under 45 per il genere giallistico e noir.

A salire sul palco, i tre finalisti selezionati come sempre dalla giuria di qualità: Leonardo Fredduzzi con il libro “La Venere di Taškent”(ed. Voland), Giuliano Pesce con “L’inferno è vuoto” (ed. Marcos y Marcos) e Angelo Petrella con “Fragile è la notte” (ed. Marsilio). Una serata che, come di consueto, sarà allestita con un assetto teatrale, tra scenografie d’effetto, “interrogatori”, momenti ludici, atmosfere surreali, letture e musiche.
A presentare e incalzare i tre ospiti, sarà il brillante criminologo Gino Saladini – presenza storica e carismatica del festival e a sua volta autore di romanzi gialli – che sarà affiancato dallo scrittore Franco Limardi, molto amato dal pubblico del Tolfa Gialli&Noir. Ospite di spicco l’editor e scrittore Giulio Perrone.

Il premio in denaro è donato dalla famiglia Felici e verrà consegnato al vincitore dal presidente della commissione Malù Felici. Il festival si è così imposto in Italia come uno degli eventi più originali e creativi dedicato alla lettura e alla scrittura in riferimento al settore giallistico e noir, con una formula divertente e innovativa che ha determinato un successo sempre più crescente: non solo una grande affluenza di pubblico ma anche un significativo entusiasmo in tutta la città di Tolfa, Comune dell’alto Lazio divenuto oramai celebre per il grande movimento artistico e per la presenza di manifestazioni divenute cult.

Il Premio Glauco Felici, che quest’anno raggiunge la sua V edizione grazie al sostegno e contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia, vuole onorare il prezioso lavoro di uno dei più grandi traduttori e ispanisti italiani, scomparso repentinamente nel settembre 2012, che ha ideato il Festival insieme ad Antonella Biondi e ai membri dell’Associazione Chirone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui