Traffico merci, è il momento delle scelte e del coraggio

Il presidente della Compagnia portuale lancia un appello ai vertici dell'Authority, al Comitato di gestione ed alla Regione per mettere fine alla "guerra delle banane"

379
Il presidente della compagnia portuale Enrico Luciani

“Il 17 ottobre sarà una data fondamentale per il futuro del Porto di Civitavecchia. Parafrasando una celebre frase di Garibaldi, possiamo affermare che:“Qui si fa il Porto o si muore”. Inizia così un intervento del presidente della Compagnia portuale Enrico Luciani.

“Nel Comitato di Gestione convocato per giovedì, infatti, – spiega – si deciderà il futuro dello nostro scalo, di centinaia di lavoratori e di tutta la città. E’ il momento delle scelte e del coraggio. Da una parte c’è la strada che porta allo sviluppo ed all’occupazione, dall’altra invece quella che porta alla distruzione definitiva dei traffici merci con la conseguente perdita di tanti posti di lavoro”.

“Con queste poche righe – prosegue Luciani – facciamo quindi un appello ai vertici dell’Autorità di Sistema Portuale ed ai membri del Comitato di Gestione affinché non facciano cadere nel vuoto le tante, forse troppe, grida di allarme e sofferenza che in questi ultimi anni sono partite dal cluster portuale e dai sindacati. Auspichiamo, inoltre, ma di questo ne siamo convinti, che anche la Regione si faccia parte attiva in questa vicenda e quindi nello sviluppo futuro, anche infrastrutturale, del nostro scalo portuale”.

Pertanto, non solo noi della Compagnia Portuale Civitavecchia, ma anche tutte le imprese portuali compresa ovviamente CFFT, aspettiamo la decisione che metta la parola fine alla famigerata “guerra delle banane” consentendo quindi la movimentazione della merce containerizzata sulle banchine ad uso pubblico n.25 sud e n.24, secondo equità, logica e soprattutto buon senso.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui