Tumori nella Tuscia: percentuali di radon, arsenico e pesticidi alle stelle

0
1020
Segui
( 0 Followers )
X

Segui

E-mail : *

Angelita Brustolin, responsabile del Registro Tumori di Viterbo, ha presentato al Consiglio comunale straordinario di oggi pomeriggio i risultati dell’indagine 2015 sulle malattie più diffuse nella Tuscia. La dottoressa Brustolin ha spiegato che i residenti nella provincia di Viterbo sono prevalentemente anziani. “Un quarto della popolazione ha più di 65 anni, dato che si riscontra in tutto il territorio nazionale e a cui si aggiunge il basso indice di natalità”. Le malattie di cui si soffre di più nella Tuscia sono l’ipertensione arteriosa, il diabete (con circa 16.000 casi nella provincia), l’ipotiroidismo, le patologie respiratorie, le demenze e la sclerosi multipla.

“Le percentuali sono inferiori rispetto alla regione Lazio – ha detto la Brustolin – così come quelle per i tumori in generale”. Ogni anno sono 2000 i nuovi casi di tumore maligno nella Tuscia, dato inferiore a quello regionale. Anche le percentuali di mortalità sono più basse rispetto al resto d’Italia. Negli uomini i tumori più diffusi sono quello alla prostata e ai polmoni, mentre per le donne i principali sono quello a mammella, utero e colon del retto. Dallo studio non sono emerse differenze sostanziali tra le varie aree della Tuscia.

Un dato preoccupante sottolineato dalla Brustolin è che la Tuscia è oltre la media nazionale per i casi di melanomi cutanei e forme leucemiche. “In generale, dai dati emerge che le donne sopravvivono a questi tipi di tumore di più rispetto agli uomini”, ha detto la dottoressa. I fattori di rischio più comuni sono legati al cattivo stile di vita degli abitanti. Secondo lo studio del Registro Tumori, il 56% della popolazione della provincia di Viterbo è composto da fumatori o ex fumatori: si tratta del 10% in più rispetto alla media nazionale. Altri fattori di rischio sono la sedentarietà e l’alimentazione scorretta. Da quanto è emerso sulla base degli studi degli altri esperti presenti, a preoccupare per la salute degli abitanti Tuscia è soprattutto l’esposizione al radon, l’arsenico presente nell’acqua e nel suolo e i pesticidi usati in agricoltura, così come i solventi e i gas di scarico che nel territorio toccano percentuali da capogiro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here