Lo scrigno fatato della città si è riaperto verso l' esterno

Turismo boom a Viterbo! Il segreto per continuare? Rispettare le regole, ma non non soffocare chi viene a trovarci con entusiasmo

109

Sembrava di sognare ad occhi aperti. Ieri, complice il bel tempo e il successo delle celebrazioni per i 700 anni del Divino Dante, il turismo viterbese ha registrato un autentico boom.

Il direttore Giovanni Masotti

Il centro storico pieno zeppo, bar e ristoranti all’ aperto presi d’ assedio, monumenti e vestigia della città fotografati e immortalati con l’ entusiasmo della bellezza tornata godibile. Bisogna andare avanti così e tirare a lucido Viterbo, che merita ben altra cura e ben altra attenzione. Non stancarsi di liberare dalle erbacce le meraviglie della Città dei Papi, continuare a migliorare il manto stradale delle vie più percorse. Ma c’è anche l’ ordinanza anti-degrado emanata dall’ amministrazione comunale che va rispettata e onorata, magari senza esagerare e senza rischiare di far tornare indietro questo processo virtuoso che investe Viterbo e che promette di durare per tutta la stagione turistica. Non bisogna permettere gli eccessi, ma nemmeno far sentire i turisti imprigionati o limitati nei loro movimenti. Ci vuole buon senso nelle sanzioni e, al tempo stesso, moderazione tra chi ha scelto la nostra città per una visita di qualche giorno. Il successo del rinvigorito turismo viterbese si gioca tra questi due poli. Entrambi contrassegnati dalla saggezza. Solo così l’ onda lunga potrà durare per tutta l’ estate. E le premesse fanno ben sperare. Si sa che chi ben comincia è alla metà dell’ opera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui