“Tutto bloccato da 42 giorni e nel Governo si litiga ancora, basta! Serve un fronte comune!”

176
massimo bambini
Il sindaco di San Lorenzo Massimo Bambini

“Sono basito, incredulo e direi, a questo punto, incazzato (lasciatemi passare il francesismo), non solo per me e per i miei paesani, ma per tutta Italia”.

A sfogarsi via Facebook è il primo cittadino di San Lorenzo Nuovo Massimo Bambini, stufo di vedere ancora un Governo che, dopo 42 giorni di lockdown, non sappia fare altro che continuare a litigare.

“Invece di vedere una risposta comune del Sistema Paese – scrive Bambini – vedo solo guerre tra poveri, Presidenti di Regioni gli uni contro gli altri, Regioni contro il Governo, maggioranza contro opposizione, colpa mia… colpa tua; ora ci si mettono pure gli scienziati i quali risulta francamente difficili trovarli due che la pensano allo stesso modo, e addirittura gli statistici”.

Bambini, sindaco di una cittadina di appena 2000 abitanti e ormai esausta delle diatribe politiche, esterna il malcontento comune di tutti i sui concittadini: “La gente è arrivata al limite della sopportazione; abbiamo bisogno di sicurezze, di certezze e non di discussioni, di opinioni, di teorie e di dichiarazioni”.

“Facciamola finita con le chiacchiere che non fanno altro che peggiorare il morale della gente e, chi è deputato a farlo, si sbrighi a tirarci fuori da questa situazione sempre più difficilmente sostenibile”, prosegue.

Il primo cittadino di San Lorenzo mette anche in guardia lo Stato sulla vera crisi economica, quella in arrivo: “La vera emergenza, ricordatelo, non la stiamo vivendo adesso ma la vivremo quando ci saranno da gestire le situazioni di centinaia di migliaia di famiglie finite sul lastrico. Per questo occorre sbrigarci a trovare le giuste soluzioni e soprattutto c’è bisogno di un fronte comune di tutte le parti, istituzionali e non, interessate”.

“Chiediamo troppo?”, conclude Bambini, ponendo la domanda a Ministri, parlamentari e al Governo in generale, auspicando un “cessate il fuoco” delle ostilità e un’unità nazionale bipartisan per rispondere alla grave emergenza che sta penalizzando l’Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui