Tutto meno che neutri… Meglio don Chisciotte che Ponzio Pilato!

Ci siamo. Domani. Presentazione "ufficiale" alle Terme dei Papi, anche se rompiamo le scatole gia' da lunedì 4 marzo.

551
Il direttore di lamiacittanews.it Giovanni Masotti
Il Direttore Giovanni Masotti, foto di Erika Orsini

Rullano i tamburi e suonano le trombe (anzi i “tromboni”, secondo un nostro detrattore della primissima ora, che mi definisce tale con mio sommo divertimento…). Ci siamo. Presentazione “ufficiale” – anche se rompiamo le scatole gia’ da lunedì 4 marzo – nella unica e stimolante cornice delle Terme dei Papi. Non si “scherza” più. Ci siamo e vogliamo restare. Alla faccia di chi vorrebbe una stampa ammiccante e compiacente. Una stampa furbetta. Timida con i potenti e fintamente vicina alla gente. Un tipo di giornalismo cui non abbiamo mai appartenuto. E che, se proprio volete che ve lo dica, ci fa anche schifo!

Meglio “odi et amo”, odiati o amati. Lo ripeto sempre, da “fissato” qual sono… Meglio piacere ed essere applauditi da un lato; risultare sgraditi e ed essere esecrati dall’ altro. Meglio Don Chisciotte che Ponzio Pilato! Meglio lottare (e magari non farcela e soccombere, ma dando un bel filo da torcere), piuttosto che lavarsi le mani dei problemi, delle ingiustizie, dei gridi di dolore e “vincere”  raccattando un mucchietto di soldini facili facili!

Sono uomo di eccessi, lo sanno in molti. Mi schiero perché ho passione. Di questo mestieraccio, della vita, del mondo… Mi schiero, ma non in senso partitico. Mi interessa poco la casacca delle persone. Anche se – come tutti – ho la mia storia e le mie idee. Che non sono di sinistra. Ma rispetto profondamente tutti coloro che credono in qualcosa. Con sincerità e coerenza. I nemici non li scelgo tra chi è di colore diverso. I nemici sono quelli che se ne fregano dello sviluppo di questi nostri splendidi e trascurati  territori (Viterbo-Tuscia, Rieti-Sabina, Civitavecchia-litorale). Sono i frenatori. I pigri. Gli affaristi. Chi si vende per un piatto di lenticchie. Chi si aggrappa alle poltroncine. Sosterrò – per quello che posso – gli uomini del fare. Del progettare. Del volare alto. Ci proverò. E’ un impegno!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui