Una rappresentanza della tifoseria gialloblù si è recata ad Amatrice per perseguire i progetti solidali iniziati subito dopo il disastro

Ultras Viterbesi in viaggio ad Amatrice a 4 anni dalla tragedia

192

Subito dopo il disastroso terremoto di Amatrice, tutte le tifoserie di Italia si sono mosse con stupende azioni solidali nei confronti del popolo Amatriciano tramite aiuti economici e di beni di prima necessità.

La tifoseria organizzata di casa nostra non è stata da meno, e dopo aver messo in piedi una raccolta fondi e beni molto importante nel momento del bisogno, nella giornata di sabato si è recata,nella forma di un piccolo gruppo rappresentativo, ancora una volta nel Reatino per l’ideazione di un progetto solidale di cui si devono ancora ben definire i dettagli.

Ad oggi, gli unici soldi arrivati ad Amatrice,tranne quelli destinati alla costruzione delle casette per gli sfollati, sarebbero quelli donati dai cittadini Italiani, di cui molti gruppi ultras di tutta Italia. Questi soldi hanno permesso la ricostruzione di spazi come il parco pubblico, il campo da calcetto e da tennis, tanto per dirne qualcuno.

Una passione, quella Ultras, che và oltre i 90 minuti ed il mero gioco del calcio, ma che si tratta di amore incondizionato per la propria città e la propria storia, e che si tramuta in volontà di agire anche quando il popolo italiano si trova dinanzi a questi drammi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui