Umberto Fusco attacca il Governo in Senato: “Oltre 20 fiducie in 10 mesi di governo, complimenti per il vostro record”

105

Umberto Fusco è entrato a gamba tesa contro il Governo giallorosso in Senato durante la discussione sul decreto legge 19 maggio.

“Siamo qui a fare una discussione su un decreto che il Senato non ha neanche avuto tempo di vedere, siamo costretti ad una discussione lampo in vista di un voto di fiducia l’ennesimo. E’ l’ennesimo sopruso da parte di un Presidente che nei suoi discorsi diceva di voler ‘parlamentizzare’ tutto e che invece ha solo attaccato le opposizioni dicendo che non volevano collaborare”.

“Le nostre proposte – prosegue il senatore viterbese – vengono bocciate e poi rientrano in emendamenti del governo, questa volta le migliaia di task force non hanno neanche visionato le proposte. Questo è un provvedimento che costa 80 miliardi di euro, è arrivato in seconda lettura ad una settimana dalla sua scadenza e non c’è stato nessun approfondimento, neanche una discussione”. nessuna discussione.

Poi, Fusco colpisce l’attuale maggioranza pentapiddina: “Curioso che tale atteggiamento venga da una parte dal partito che per un anno e mezzo si è stracciato vesti in nome di galateo istituzionale e, dall’altra parte, dal partito che quando era all’opposizione strillava in Parlamento accusando di dittatura il governo ed ogni fiducia posta. Oltre 20 fiducie in 10 mesi di governo: record dei record, complimenti vivissimi”.

Il discorso dell’onorevole si sposta infine sull’analisi di alcuni contenuti del provvedimento: “Nel decreto ci sono alcuni articoli che parlano di forze armate e del settore della difesa, vanno citati anche il personale della sanità militare e quelli attenenti ai mezzi e al patrimonio. I fondi stanziati sono insufficienti, le forze armate hanno svolto un ruolo fondamentale nella gestione dello stato di crisi, oltre all’impegno sanitario profuso. Se ne ricordi, ad epidemia finita, chi si rivolgerà ai nostri militari insultandoli e non capendo a cosa servono realmente”.

Nel merito, Fusco dà la sua personale spiegazione: “Le forze dell’ordine vengono bistrattate sempre dai soliti noti. Ribadiamo che fondi sono insufficienti e che il provvedimento è  inadeguato, e sapete perché? Perchè una parte della maggioranza, non tutta, è avversa ideologicamente ai militari, lo capiamo dalle interrogazioni che vengono portate anche in quest’Aula e da alcune interviste rilasciate da esponenti della maggioranza: parlano di ‘dual use’, di conversione, di decrescita e di altri strampalati progetti di legge”.

Infine, il senatore conclude lapidario: “Fino a quando non abbandonerete questo odio ideologico non riusciremo ad andare avanti, fino a quando non vi farete da parte non riusciremo a fare l bene del Paese”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui