Un prelato della Tuscia, monsignor Fabio Fabene, alla “corte” del Papa

142
Fonte: Affari Italiani

Formatosi al Pontificio Seminario Regionale di Viterbo, Fabene è stato ordinato sacerdote nel 1984 dopo il dottorato in Diritto Canonico ha  insegnato presso l’Istituto Teologico Viterbese.

Dal 2010, in Vaticano, è Capo Ufficio della Congregazione per i Vescovi, e ricopre l’incarico di Sostituto della Segreteria del Collegio Cardinalizio. Dal 1996 è anche Giudice Esterno del Tribunale di prima istanza per le cause di nullità di matrimonio della Regione Lazio e dal 2012 è stato nominato Prelato d’Onore di Sua Santità.

Nel suo ultimo libro intitolato “Sinfonia di ministeri” con la prefazione di Papa Francesco, il vescovo ha riassunto il percorso sinodale che ha rilanciato il protagonismo laicale negli ultimi decenni, il cammino ecclesiale che ha portato all’ampliamento dei ministeri laicali e a una nuova consapevolezza della loro centralità in una Chiesa missionaria e in uscita.

Altrettanto centrale, per monsignor Fabene, il ruolo dei giovani nella Chiesa : “La Chiesa è giovane non dei giovani…Loro hanno la capacità di ringiovanire la Chiesa e da qui c’è l’invito a tutte le comunità di dargli fiducia, inserendoli nel cammino di ogni singola comunità”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui