Un sacerdote ci ha detto: “Lascia un vuoto incolmabile”. Addio Don Dante Bernini

Il cardinale Vallini nella sua omelia ha sottolineato la parola gratitudine verso l’Eterno Padre, per il dono di aver conosciuto Don Dante Bernini

769
Funerale Don Dante

Funerale Don DanteOggi alle 14,30 nella Basilica di La Quercia, si sono celebrati i funerali del vescovo Dante Bernini, nato in quella frazione, e vissuto fino alla sua morte, in una casa del borgo querciaiolo. La Basilica era colma di persone che lo hanno conosciuto e amato, e di tanti tra vescovi e sacerdoti. Molti sacerdoti provenivano dalle diocesi di Albano e Velletri. Alla cerimonia insieme al sindaco di Viterbo c’erano anche i sindaci di Albano e di Aprilia. Il rito è stato concelebrato dal cardinale Agostino Vallini, undici vescovi tra i quali c’erano Lino Fumagalli (vescovo di Viterbo) e Lorenzo Chiarinelli (già vescovo di Viterbo prima di Fumagalli), e una pletora di varie decine di sacerdoti. Sulla bara deposta ai piedi dell’altare c’erano il bastone e la mitra episcopale, che erano appartenuti a Don Dante.

Funerale Don DanteNel banco della prima fila l’amata nipote Emanuela, che appariva molto commossa. Il cardinale Vallini nella sua omelia ha sottolineato la parola gratitudine verso l’Eterno Padre, per il dono di aver conosciuto Don Dante Bernini. Poi ha raccontato cosa usava dire Don Dante quando sentiva il peso della malattia e degli anni: “Se Dio è con noi, chi sarà contro di noi?”. E poi ancora: “Al Vangelo non si può sfuggire”. Il cardinale Agostino Vallini ha concluso la sua omelia ricordando che il vescovo emerito di Albano, è stato soprattutto un uomo al servizio degli uomini e anche un operatore e costruttore di pace. Alla fine della cerimonia otto sacerdoti si sono prontamente raccolti attorni alla bara e si sono sostituiti agli uomini dell’agenzia funebre, portando a spalla la bara fino alla cappella, dove sarà tumulato. Abbiamo notato alcuni sacerdoti con gli occhi bagnati di lacrime. Uno di loro, con la voce rotta dalla commozione, ci ha detto: “Don Dante lascia un vuoto incolmabile”. Noi che lo conoscevamo e lo stimavamo, gli diciamo: “Addio Don Dante!”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui