La ditta Saggini Costruzioni di Viterbo non è in alcun modo collegata al caso

Un servizio de Le Iene su Saggini, ma si tratta di un caso di omonimia

"Sebbene la nostra azienda si chiami “Saggini Massimo S.r.l.” e la persona intervistata abbia un altro nome, siamo molto rammaricati perché il servizio può indurre, causa una mera omonimia, a confondere realtà diverse"

489

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa inviata dalla Saggini Costruzioni di Viterbo.

VITERBO – In data 25 febbraio 2020 la trasmissione Le Iene ha mandato in onda un servizio sulla morte dell’operaio Flavio Franco Visinoni in cui è coinvolta tale “Impresa Saggini di Viterbo”.

Sebbene la nostra azienda si chiami “Saggini Massimo S.r.l.” e la persona intervistata abbia un altro nome, siamo molto rammaricati perché il servizio può indurre, causa una mera omonimia, a confondere realtà diverse.

La nostra impresa Saggini Massimo S.r.l., nota come Saggini Costruzioni, non ha nulla a che vedere con i fatti e le persone descritte nel servizio.

La nostra azienda, fondata da Massimo Saggini e portata avanti oggi dal figlio Sergio, si distingue per l’attenzione alla sicurezza e al benessere dei propri collaboratori, mettendo costantemente in atto ogni sforzo per garantirne l’incolumità, nel rispetto delle normative vigenti. Tutta l’azienda esprime sentita vicinanza alla famiglia Visinoni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui